Sponsors
tuttoautoricambi.it
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Un Danese al comando del PRO-GT

Avviatosi in modo molto confusionario, il Campionato Italiano PRO-GT si sta ora rivelando uno dei campionato più belli organizzati da SimRacingZone.net. Dopo le prime gare del Fuji e di Monza, caratterizzate più dagli errori che dalle strategie o dai sorpassi, da Portimao in poi, passando per Brno e Silverstone, la tendenza e il comportamento dei sim-driver in pista è cambiato. I Gran Premi sono ora molto combattuti e riproducono realisticamente una vera gara endurance. Come il campionato stesso, Andrea Danese, sim-driver della Scuderia UEIN, era partito malino, un pò impacciato, pur raccogliendo sempre punti, accumulando anche numerose sanzioni. Ora, invece, il sim-driver di Massimiliano Paolillo si trova clamorosamente in testa alla classifica di categoria LMP e lancia la sfida non solo nella propria classe, dove il team è anche in cima alla graduatoria costruttori, ma anche in quella assoluta. In vista della sesta tappa delle dieci in programma, che avrà luogo questa sera sul tortuoso tracciato del Mugello (diretta a partire dalle 21:20 sulla SRZTVS1), SRZ ha incontrato proprio Andrea Danese, intervistato per stilare un bilancio di questa prima parte di stagione.

SRZ: Metà stagione con alti e bassi, sei soddisfatto?

AD: Soddisfatto è un parolone dato il mio carattere ambizioso, si tenta sempre di far meglio per raccogliere più risultati possibili per il mio team. Conosco rFactor da meno di un anno, ero abituato a tutt'altro tipo di gioco. Ad oggi mi sento ancora un novellino nel simracing, facendo chiaramente riferimento a tutti i BIG. Il mio obiettivo è quello di crescere insieme alla UEIN e di migliorare volta dopo volta cercando di ottenere risultati positivi. A quel punto le soddisfazioni sono sicuro arriveranno.

Andrea Danese ha debuttato nella stagione 2010/2011, prendendo parte come PRIVATO al Campionato Italiano WTCC. Da lì è stato ingaggiato dalla Pescara Corse che lo ha poi ceduto alla Scuderia UEIN, con cui è sceso in pista nel Campionato Italiano rF4. Nella sua carriera virtuale ha ottenuto cinque podi e una pole position, su un totale di 28 apparizioni.

SRZ: Partendo dalla rF1, grande competitività, e per te molti ritiri, raccontaci questa esperienza fino a questo punto.

AD: Ad inizio stagione ero eccitato all'idea di poter partecipare a questo campionato, preso dall'euforia di "competere" nella classe regina del portale, inizialmente non mi sono reso conto della difficoltà e del livello dei simdriver iscritti. Gara dopo gara ho constatato di non essere preparato nell'affrontarlo dignitosamente. Sicuramente è un'esperienza, negativa o positiva essa sia "tutto fa brodo" per poter crescere e iniziare a far bene.

Andrea Danese sta faticando forse più del previsto in rF1: in otto gare è arrivato a traguardo solo una volta, in Malesia.

SRZ: Hai fatto una comparsa anche in rF2 per sostituire uno degli alfieri UEIN, che te ne è parso di questo campionato?

AD: Gran bel campionato, la MOD mi piace, il livello sicuramente non è come quello della rF1. Ho sostituito il mio TM nella gara in Ungheria, ho portato la gara al termine senza troppe difficoltà.

SRZ: Nota dolce, sei leader in classifica nel Campionato Italiano PRO-GT nella categoria LMP, cominci già a pensare ad un eventuale vittoria?

AD: Vittoria o non vittoria è comunque una bella soddisfazione momentaneamente essere nel gradino più alto della classifica, la MOD anche qui mi piace un casino, anche se a mio avviso ho scelto la macchina più difficile da guidare. A parte questo non mi sento di dire "vincerò", mancano cinque gare al termine del campionato, gare infinite dato che sono endurance da 90 minuti. Bisogna allenarsi duramente scegliendo il setup e la strategia migliore per affrontare la gara.

SRZ: Abbiamo avuto molte pareri sui campionati rF1 e rF2, vogliamo sapere da te qualcosa su quello PRO-GT.

AD: Il Campionato Italiano PRO-GT, per quanto mi riguarda, è spettacolare... Tre categorie che gareggiano in una sola gara... fantastico!!! Tanti sorpassi, molte bagarre. Cosi come è organizzato, a mio avviso, è perfetto, non bisogna cambiare nulla. Forse l'unica cosa che modificherei è la modalità di qualifica, facendo girare separatamente le diverse categoria per non avere tutto quel traffico in pista, così da evitare rallentamenti.

 
FR 3.5 @ Silverstone
Z1 Sim Wheel
Banner