11 - 12 - 2018
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Non è stato un rientro facile quello dello Staff di Simracingzone.net nel mondo del Motorsport reale. Il portale italiano che si occupa da oltre dieci anni di organizzare campionati di guida simulata con i software più diffusi sul mercato (F1 2017, Assetto Corsa, rFactor 2, Project Cars 2), aveva già sperimentato nel 2013, cosa può accadere trasportando a competere nel Campionato Formula Promotion, categoria Formula a basso costo, il Simdriver più conosciuto e vittorioso della nostra nazione, David Greco, classe 1986 e attualmente Simdriver ufficiale della Trusthmaster. David, nella sua prima esperienza in un campionato reale, riuscì clamorosamente ad ottenere sei vittorie di categoria e due assolute, sbalordendo tutto l'ambiente del Paddock, nonostante il team fosse gestito da admin di un portale di Simracing e la monoposto PC008 non fosse all'altezza. Malgrado i risultati eccellenti però, l'esperimento finì li, il gruppo non trovò sponsor nonostante gli articoli dedicati sulle riviste del settore videogames e motorsport. L'esport in Italia all'epoca e soprattutto il Simracing non si rivelò pronto,  troppo presto per il nostro paese riuscire a cogliere le potenzialità del settore e di questo esperimento. Ma vista l'esplosione dell'esport e della disciplina del Simracing in particolare nell'ultimo anno, in seguito all'organizzazione della F1 eSport Series che ha canalizzato oltre 3 milioni di spettatori, SRZ ha deciso di esplorare nuovamente il connubio tra la disciplina simulata e quella reale, rispolverando la Predator's vittoriosa nel 2013 e ricominciando a fare esperienza partendo da due giornate di Test con protagonisti i migliori Simdriver italiani convocati per l'occasione a mettersi al volante "reale", e con la successiva partecipazione alla Formula X Italian Series 2018. L'ASD Simracing Motorsport è totalmente gestita dagli admin del portale e gode del riconoscimento GEC (Giochi Elettronici Competitivi), vanta nella propria community centinaia di talenti distintisi nel Simracing a livello mondiale. 

La due giorni di Test si è svolta sul Cremona Circuit. Dopo 4 anni di stop forzato ed un Team completamente rinnovato, le ore di sonno per tutti i componenti sono state davvero limitate. La fatica svolta ha dato però i suoi frutti, raccolti già soltanto guardando gli occhi felici di tutti i ragazzi che abbiamo potuto veder girare sul freddo asfalto del Cremona Circuit il 20 ed il 21 Marzo. Il  nuovo Team Simracing Motorsport, che ha l'obiettivo di permettere ai Simdriver più talentuosi di confrontarsi nel Motorsport reale, è composto da Palmiro Incerti come capo meccanico, Emanuele Torcia come aiuto meccanico, Matteo Sorgiacomo responsabile al simulatore e alle comunicazioni ed Antonio Le Rose al traporto e alla logistica, ma ci sono nuovi elementi che potrebbero unirsi presto al gruppo.

Dopo aver preparato l'assetto della Predator's PC08 a Reggio Emilia, con l'aiuto di Corrado Cusi, (il papà di tutte le monoposto Predator's ) che ha permesso al nostro responsabile di macchina Palmiro Incerti di sistemare l'assetto sulle caratteristiche del Cremona Circuit, lo staff ha portato le attrezzature in pista lavorando sulle pressioni degli pneumatici, da adattare per una temperatura dell'aria e dell'asfalto particolarmente fredda. Il primo a scendere in pista è stato Alessandro Palladini, al quale il team ha assegnato l'incarico di rodare gli pneumatici nuovi che intende utilizzare nella prima gara del Campionato. Palladini purtroppo, dopo solo pochi giri, è dovuto rientrare ai box per un problema alla carrozzeria, ed una volta ripartito ha potuto compiere solo parzialmente il lavoro di adattamento alla vettura previsto per lui.

ALESSANDRO PALLADINI E' STATO IL PRIMO SIMDRIVER A SCENDERE IN PISTA

Michele D'Alessandro (Musto Racing) ha avuto invece problemi ad entrare nell'abitacolo a causa della sua altezza di ben 1,92m, tanto che il team è stato costretto ad eliminare il sedile per di permettergli di guidare, utilizzando al suo posto un cuscino improvvisato per non costringerlo a sedere direttamente sul fondo della monoposto; malgrado questo, la sua posizione nell'abitacolo è risultata piuttosto proibitiva. La sua prima prestazione in queste condizioni non è stata di certo esaltante, visto che è stato protagonista di diversi fuoripista e disgressioni nel fango che hanno reso la povera PC008 praticamente irriconoscibile, ma le problematiche di emozione, scomodità dell'abitacolo ed inesperienza, oltre che di temperatura dell'asfalto proibitiva, sono state completamente a suo sfavore.

MICHELE D'ALESSANDRO HA AVUTO SERIE DIFFICOLTA' MA HA ULTIMATO COMUNQUE IL SUO TURNO

Il primo a fare sul serio, grazie anche a temperature dell'asfalto più favorevoli, è stato il Coach Alberto Fontana, che ha effettuato due sessioni consecutive complete girando per un'ora e fornendo dati utili per il lavoro sull'assetto. Alberto ha portato la vettura a girare sull'1.43.700 gia al suo primo turno utile, malgrado fosse la sua prima esperienza alla guida di questa monoposto. Grazie alle sue indicazioni, Palmiro Incerti ha iniziato ad alleggerire il carico delle molle anteriori, modifica che ha permesso ad Alberto di scendere con i tempi nella seconda sessione fermando il cronometro sull'1.43.200, miglior tempo di giornata per la Simracing Motorsport.

DAVID GRECO E ALBERTO FONTANA A CONFRONTO, QUESTA VOLTA NON SUL SIMULATORE

Nel frattempo David Greco ha fatto il suo ritorno in pista a bordo della nuovissima PC015 fornita dalla FX Series, con la quale ha percorso oltre mezza sessione confrontandosi direttamente con Alberto Fontana e Fabrizio Gobbi, che ha debuttato sulla PC010. David ha dovuto rientrare a pochi minuti dal termine per un problema di surriscaldamento, subito risolto dai meccanici.

 

FONTANA E GOBBI SCENDONO IN PISTA SOTTO LO SGUARDO ATTENTO DI PALMIRO

La Simracing Motorsport ha proseguito il programma della giornata analizzando Fabrizio Gobbi e Giuseppe Ragusa, entrambi davvero performanti con la PC010 fornita da Corrado Cusi. Fabrizio Gobbi in particolare ha fatto segnare il tempo più veloce della due giorni (escludendo i tempi della PC015 che è nettamente più veloce), facendo fermare il cronometro sul tempo di 1.41. Hanno concluso la prima giornata di test su PC008 Alessandro Catalfamo (autore di diversi fuori pista) e Giordano Valeriano, che non essendo alla prima esperienza con questa vettura, ha portato a termine una sessione costante e priva di sbavature.

EMOZIONANTE IL RITORNO IN PISTA DI DAVID GRECO SULLA SUA PC008

La seconda giornata, la più attesa dallo Staff, prevedeva il ritorno in pista del campione David Greco, che è avvenuto in primissima mattinata. David ha voluto subito riscaldarsi e dopo sole poche tornate ha iniziato a ritrovare confidenza e a spingere, malgrado pessime condizioni di salute. Non avendo montato il trasponder sulla vettura in mattinata, il Team non ha potuto registrare tempi precisi, ma le indicazioni date da David sull'assetto sono state comunque preziose. La giornata è quindi finita anzitempo con un'uscita di pista, avvenuta in accelerazione su un cordolo a 138 km/h. L'errore, compiuto dopo una sessione tutt'altro che negativa, è stato di Matteo Smaila, che ha impattato con il posteriore contro le barriera mettendo KO irrimediabilmente la monoposto della Simracing Motorsport.

 LO SGUARDO DI SMAILA NEL RIENTRO AI BOX NON ERA DEI PIU' FELICI

Gli altri Simdriver presenti sono quindi stati spostati sulle monoposto fornite dall'organizzazione. Hanno debuttato su PC010 Michael Francesconi e Mattia Grigolon, entrambi molto bravi a gestire la propria sessione scendendo gradualmente con i tempi, mentre il giovanissimo Davide Chiappini ha effettuato il proprio turno su PC08, anch'esso senza alcuna sbavatura malgrado non abbia neanche la patente! Corrado Cusi, vedendolo alla guida, è rimasto particolarmente colpito del suo velocissimo adattamento, dopo sole poche tornate infatti Davide ha iniziato a spingere seriamente! L'unica pecca per la Simracing Motorsport è stata non poter lavorare seriamente sull'assetto e sui tempi con David Greco, ce ha preferito lasciare il volante ai debuttanti, e non aver potuto far scendere in pista Guglielmo Matti, il quale ha rinunciato a girare dopo aver visto l'incidente di Smaila.

L'obiettivo più importante della due giorni era scoprire e valutare i Simdriver alle prese con la guida reale, il risultato è sicuramente esaltante. Se si escludono le difficoltà incontrate da Michele D'Alessandro infatti e l'esperienza già acquisita in passato da Giordano Valeriano, tutti gli altri al debutto hanno gestito la monoposto in maniera impeccabile, la maggior parte riuscendo anche a spingere, come Fabrizio Gobbi, Giuseppe Ragusa, Mattia Grigolon, Davide Chiappini e Michael Francesconi. Dei 12 che hanno fatto il proprio debutto, solo  e Alessandro Catalfamo non hanno raggiunto la sufficienza.Tutti promossi dunque, ed ora aspettiamo di scoprire chi saranno i Simdriver che affronteranno il campionato Formula X Italian Series 2018 che partirà nel week-end del 14-15 aprile sul circuito di Varano de Melegari.Lo staff SRZ è impegnato in febbrili trattative!

Related news: 

 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation