21 - 02 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

La prima gara del Campionato Italiano FC3 2017/2018 finisce così, con Francesco Montereale che taglia il traguardo con Angelo Trifilio letteralmente incollato ai suoi scarichi. Una corsa davvero tiratissima dal primo all'ultimo giro, giocata su un ritmo di gara forsennato piuttosto che su episodi particolari come sorpassi o incidenti come spesso avveniva nelle gare 2 del campionato FC4 da poco conclusosi: due modi diametralmente opposti ma altrettanto efficaci per offrire agli appassionati gare spettacolari ed incerte fino all'ultimo. Francesco Montereale aveva iniziato con una vittoria anche il campionato FC4, ma poi fra assenze, ritiri, errori ed episodi sfortunati è uscito praticamente da subito dalla lotta per il titolo; fatale gli è stato un format di gara che invertiva i primi 20 classificati di gara 1 sulla griglia di gara 2, situazione che sembra essere il punto debole di un pilota velocissimo e quasi imprendibile quando è in testa ma che commette qualche sbavatura di troppo quando si trova nelle posizioni di rincalzo. Da questo punto di vista il campionato FC3 potrebbe davvero essere perfetto per lui, dato che ha un format più tradizionale e non prevede rimescolamenti della griglia di partenza o cose simili, il che significa che se uno è veloce e non commette errori si troverà sempre a lottare nelle primissime posizioni.Già dalle qualifiche ogni dubbio sulla competitività e serietà dei partecipanti a questo campionato è stato completamente spazzato via: ben 17 simdrivers racchiusi in un secondo di cui i primi 8 separati da soli 5 decimi, un livello di competitività che ricorda neanche troppo lontanamente quello del Campionato Italiano ACF2 della scorsa stagione, che è stato senza dubbio il campionato a ruote scoperte migliore mai disputatosi su Assetto Corsa su SimRacingZone.net. A siglare la pole position un ottimo Gianluca Rosi con poco più di mezzo decimo di vantaggio su Francesco Montereale, con Trifilio Lucidi a completare la seconda fila. Allo start Lorenzo Lucidi è stato tradito da un freeze del suo pc che lo ha fatto partire oltre un secondo prima dello spegnimento dei semafori, guadagnando immediatamente la prima posizione ma ovviamente rimediando un drive through da scontare nei primi tre giri di gara. Alle sue spalle Francesco Montereale ha affiancato il poleman Rosi all'interno della prima piega verso destra, per poi restargli affiancato anche in curva 2 nonostante la traiettoria esterna e ritrovarsi poi all'interno della lunghissima curva3, completando così un grande sorpasso che a conti fatti gli è valso la vittoria della gara.

Un incidente a catena innescato nella seconda metà del gruppo da un contatto fra Schettino e Spitaleri ha costretto la Direzione Gara a far entrare in pista la Safety Car.

Intanto alle spalle del gruppo di testa un contatto fra Schettino Spitaleri ha dato via ad altri incidenti a catena che hanno coinvolto parecchie auto e costretto la Direzione Gara a fare entrare in pista la Safety Car. A regime di neutralizzazione già chiamato i piloti hanno immediatamente ridotto l'andatura in attesa di accodarsi alla vettura di sicurezza, tutti tranne il provvisorio leader Lorenzo Lucidi che sapendo di dover scontare un drive through per partenza anticipata ha continuato a spingere per quasi tutto il resto del giro entrando così in pitlane per scontare la penalità con quasi 5" di margine sul gruppone e rientrando in pista dopo la penalità in sesta posizione...ovvero solo due posizioni indietro rispetto a dove era partito, manovra che gli è costata una penalità di 10" al termine della gara. Alla ripartenza Dario De Vita si è preso il 3° posto sopravanzando Angelo Trifilio, mentre Gianluca Rosi è stato incollato a Montereale per tutto il primo stint ma senza riuscire a cercare un attacco, d'altronde le Dallara F3 sembrano essere molto sensibili alla scia e seguire un avversario da vicino è molto difficile a causa dei disturbi aerodinamici che si fanno sentire molto più del previsto. 

Dopo essersi fatto beffare da De Vita alla ripartenza, Angelo Trifilio non ci ha messo molto a riprendersi la terza posizione e a gettarsi all'inseguimento di Montereale e Rosi, superando quest'ultimo nel giro delle soste ai box e arrivando sul traguardo a neanche mezzo secondo dal vincitore.

Pochi giri dopo aver perso la terza posizione, Angelo Trifilio ha effettuato il controsorpasso su Dario De Vita e si è gettato all'inseguimento dei due battistrada con un passo gara velocissimo e costante che gli ha permesso di riagganciare il duo di testa prima delle soste ai box; con un undercut di un giro è riuscito a sopravanzare Rosi prendendosi così la seconda posizione, e nel finale di gara si è anche avvicinato a Montereale ma senza riuscire a trovare un varco per cercare un attacco, così sul traguardo gli è finito dietro di neanche mezzo secondo, con Rosi a completare il podio a meno di 3" dalla vetta. Al 4° posto e a 4" dal vincitore è arrivato Matteo Sorgiacomo, che ha approfittato di un errore di De Vita a pochi giri dalla fine. Il pilota del BlueBolt Racing ha comunque concluso la gara in quinta posizione, seguito dall'ottimo Cristian Macrelli e da Lorenzo Lucidi, arretrato dal 6° al 7° posto dalla penalità infertagli per il suo comportamento in regime di neutralizzazione al primo giro. Top ten completata da Alessandro Fantinati, Edoardo Forcieri Giuseppe Urso, mentre Bruno Compagnone è stato coinvolto in un incidente al 6° giro mentre era in lotta per un piazzamento a ridosso della top 5 perdendo numerose posizioni e poi "arenandosi" per tutto il secondo stint dietro ad Antonio Di Gilio, che da bravo portiere qual è ha..."parato" ogni attacco dell'espertissimo pilota del Fast & Aged relegandolo al 12° posto finale. Solo due i ritiri, Schiavini Schiavoni.

Dopo una sola settimana è già tempo di scendere in pista per la seconda gara del campionato, che avrà luogo giovedì 22 febbraio sulla tortuosa pista inglese di Brands Hatch per una distanza di gara di 31 giri, e che come di consueto sarà trasmessa in diretta streaming sui nostri canali youtube e facebook. Con una sola settimana di tempo per prepararsi a correre su una pista decisamente più difficile di quella di Barcellona, potremmo assistere ad una gara piena di colpi di scena e magari con valori in campo un pò diversi che potrebbero dipendere anche dal tempo che ciascun pilota ha avuto per prepararsi. Sarà davvero un duro esame per i 28 piloti che dopo una prima gara estremamente positiva sono chiamati a confermarsi sugli ottimi livelli di serietà e correttezza mostrati a Barcellona ma in una pista che con una sede stradale stretta e vie di fuga in erba e sabbia non perdonerà il minimo errore e soprattutto con una sola settimana di tempo per prepararsi. 

Risultati e Classifiche

Related news: 

 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation