14 - 12 - 2017
Sponsors

nextlevelracing.com

rackservice.org

razerone.com

netgear.it

primi sui motori con e-max

Si preannunciava una serata davvero incerta ed emozionante quella della prima gara del Campionato Italiano FC4 2017/2018, e così è stato. Dati i tempi delle prequalifiche c'erano almeno 15 piloti virtualmente in grado di lottare per la vittoria di almeno una delle due gare, grazie anche all'inversione completa dei primi 20 classificati di gara1 sulla griglia di partenza di gara2, e infatti se la prima gara di soli 8 giri ha avuto uno svolgimento abbastanza lineare, l'esito di gara 2 è stato in bilico fino all'ultimo giro, quando Luca Rosmarino ha superato Maciej Grinka andandosi a prendere la sua prima vittoria su SimRacingZone.net. In precedenza oltre al già citato Grinka, anche Maurizio Turri e David Montereale hanno avuto l'occasione di vincere, a testimonianza del fatto che le prestazioni dei piloti sono così vicine che i top drivers che arrivano nelle prime posizioni in gara1 non sono così tanto più veloci degli altri da poter recuperare più di tanto in gara2 partendo dalle ultime posizioni, e se questo è accaduto in una pista larghissima come quella del Mugello ci si aspetta che avranno vita ancor più difficile su piste come Adria, Montecarlo Magione, al punto da chiedersi se sia effettivamente un vantaggio lottare per vincere gara1 se poi ci si ritrova a partire dal 20° posto in gara 2 che assegna doppio punteggio...

Le lotte per il secondo posto, e in particolare questo piccolo contatto fra Francesconi e Diomaiuti, hanno favorito sin dalle prime curve la fuga verso la vittoria di Francesco Montereale, che si è ritrovato ad avere quasi 3" di vantaggio già alla fine del primo giro

In qualifica la pole position è andata a Francesco Montereale dopo un battaglia sul filo dei millesimi contro Luca Rosmarino Raffaele Diomaiuti, con Edoardo Forcieri Michael Francesconi a completare la top 5. "Sospettosamente" vicini al 20° posto che garantirebbe la partenza dal primo posto in gara2 alcuni top drivers come David Montereale, Maciej Grinka e il campione in carica Antonio Di Gilio, rispettivamente 16°, 17° e 19°. Francesco Montereale è riuscito a tenersi alla larga dai guai e a mantenere la sua prima posizione per tutta la gara, accumulando già quasi 3" di vantaggio durante il primo giro approfittando delle lotte fra i piloti dietro di lui: un lieve contatto fra Diomaiuti Francesconi mentre lottavano per il 2° posto ha costretto gli inseguitori ad alzare il piede e a perdere contatto da Montereale, con Matteo Sorgiacomo che ha approfittato dello scompiglio creatosi per portarsi dall' 8° al 2° posto in una manciata di curve. Oltre a Diomaiuti, scivolato all' 8° posto dopo il contatto con Francesconi, anche Rosmarino ha avuto un avvio non dei migliori, scendendo in un solo giro dal 2° al 7° posto.

Apocalittica a dir poco la carambola innescata al secondo giro per un contatto fra Banalotti e Amata. Molti piloti però hanno dimostrato di avere molto da imparare su come si affontano situazioni del genere, non a caso uno dei pochi ad essere passato indenne è stato il campione in carica Antonio Di Gilio, che è però stato tradito dalla connessione qualche giro dopo

All'inizio del secondo giro il disastro: un contatto alla prima curva fra Banalotti Amata a cavallo del 7°-8° posto ha causato un mega incidente con mezzo schieramento coinvolto, con alcuni piloti che si sono trovati di colpo delle macchine intraversate davanti impossibili da evitare e altri che invece hanno creato ancor più scompiglio con la loro negligenza. Fra i top drivers sono stati coinvolti David Montereale, fratello minore di Francesco, Maciej Grinka Maurizio Turri, che sono quindi precipitati nelle ultime posizioni che però gli garantiranno la partenza dalle prime file in gara 2, per cui non tutto il male viene per nuocere. Chi invece ha un'incredibile abilità nell'evitare gli incidenti è il campione in carica Antonio Di Gilio, che ha letteralmente fatto lo slalom in mezzo a quasi 10 auto intraversate in mezzo alla pista e si è così ritrovato in lotta persino per un piazzamento all'interno della top ten, ma tutta la fortuna che ha avuto l'anno scorso lo ha evidentemente abbandonato, in quanto la sua connessione lo ha piantato in asso a circa metà gara mentre era dietro a Giuseppe Urso il quale ha poi concluso la gara al 7° posto, privandolo quindi di un possibile 8° posto e di una partenza a ridosso della top ten in gara2.

Francesco Montereale taglia il traguardo vittorioso in gara1, issandosi momentaneamente in testa al campionato. La sua leadership in classifica durerà però poco, in quanto in gara 2 non ha visto la bandiera a scacchi

Con Francesco Montereale Matteo Sorgiacomo imprendibili e già sicuri del primo e secondo posto, l'interesse si è spostato sulla lotta per il gradino più basso del podio fra Michael Francesconi, Edoardo Forcieri Gianfranco Pagoto, che si sono più volte sorpassati dando grande spettacolo. A spuntarla alla fine è stato Francesconi, ma una penalità infertagli dalla Direzione Gara per il contatto con Diomaiuti nel corso del primo giro lo ha fatto scendere in quinta posizione, a vantaggio del suo compagno di squadra Pagoto che si è quindi preso il 3° posto con Forcieri 4°. 6° posto per Rosmarino seguito da Urso, mentre la top 10 è stata completata da Diomaiuti, Banalotti Amata.

In gara 2 all'inizio del 6° giro Turri si è portato in testa superando David Montereale di slancio lungo il rettilineo principale, ma pochi istanti più tardi ha commesso un errore che lo ha fatto finire nell'erba

In gara2 come detto c'è stata la completa inversione dei primi 20 classificati in gara1, questo vuol dire che David Montereale, essendo arrivato 20° in gara1 ha conquistato il diritto di partire dalla prima posizione in griglia, con Stefano Andreini, Maciej Grinka, Maurizio Turri Luca Tommasi nelle posizioni immediatamente successive. Allo start David Montereale ha tenuto agevolmente la prima posizione, mentre Maurizio Turri con due sorpassi rischiosi e audaci si è portato subito al 2° posto, mentre ancora una volta Antonio Di Gilio è stato tradito dalla connessione mentre nel corso del primo giro aveva già recuperato fino al 18° posto. Molti dei protagonisti di gara1 sono riusciti a recuperare parecchie posizioni nei primi giri di gara2, come Francesco Montereale e Matteo Sorgiacomo, rapidamente risaliti a ridosso della top 5. Per loro la gara non ha poi preso la piega desiderata, in quanto Francesco Montereale si è ritirato per frustrazione dopo due testacoda (uno dei quali avvenuto mentre era in lotta ravvicinata col fratello David) e Sorgiacomo si è preso una penalità per eccesso di velocità in corsia box che lo ha relegato al 9° posto finale. Per quanto riguarda la lotta per il primo posto fra David Montereale Maurizio Turri, all'inizio del 6° giro Turri è riuscito a portarsi in testa, ma incredibilmente due curve dopo aver conquistato il primo posto ha perso la macchina finendo nella via di fuga e scivolando al 3° posto, dietro anche a Maciej Grinka. Montereale dal canto suo ha commesso un errore al giro successivo quando aveva quasi 3" di vantaggio su Grinka, regalando su un piatto d'argento la leadership al pilota polacco.

All'11° giro Turri ha avuto un'altra possibilità di vincere la gara, superando Grinka, ma anche stavolta ha sprecato tutto con un'altra uscita di pista, che lo ha relegato ad un comunque ottimo 3° posto finale.

Di tutti questi errori ne ha approfittato anche Luca Rosmarino, che ha scelto di partire con le gomme Hard invece delle Medie scelte da tutti gli altri per allungare al massimo il primo stint e poi poter disporre di gomme più fresche negli ultimi giri di gara, la stessa strategia che l'anno scorso ha in più occasioni consentito ad Antonio Di Gilio di recuperare negli ultimi giri posizioni determinanti per l'esito di quel campionato. Dopo la sua sosta, avvenuta 2 giri dopo i suoi diretti rivali, si è ritrovato in terza posizione con circa tre secondi da recuperare sul leader Maciej Grinka e su Maurizio Turri, impresa comunque fattibile per via delle gomme più fresche e anche per via della lotta proprio fra i due battistrada. Dopo l'errore commesso neanche 10 secondi dopo aver conquistato il primo posto su David Montereale, Maurizio Turri ha avuto una seconda occasione di vincere la corsa, in quanto al'11° giro ha attaccato e superato Grinka portandosi in testa alla gara, ma incredibilmente ha sprecato tutto un'altra volta, perdendo la macchina all' Arrabbiata 1 e finendo nella sabbia, sprofondando al 4° posto dietro anche ad Edoardo Forcieri. 

Proprio all'inizio dell'ultimo giro Luca Rosmarino è andato a conquistare la prima posizione con questo bel sorpasso all'esterno su Maciej Grinka

Con Turri autoeliminatosi per ben due volte dalla lotta per la vittoria, l'unico ostacolo per Luca Rosmarino era rappresentato dal coriaceo Maciej Grinka, che è stato raggiunto e superato proprio all'inizio dell'ultimo giro, senza aver avuto modo di replicare all'attacco del rivale a causa della maggiore usura delle sue gomme. Sempre all'ultimo giro c'è stato il "secondo round" fra Maurizio Turri David Montereale, questa volta con il 4° posto in palio, ma Montereale è andato in testacoda in curva 2 perdendo così ogni possibilità di lottare per un 4° posto che poi al netto delle penalità sarebbe diventato un 3° posto per il fatto che a Edoardo Forcieri è stata comminata una sanzione di 10" per un incidente con Nicola Mangani nelle fasi iniziali di gara. Il gradino più basso del podio è quindi andato a Maurizio Turri, già vincitore della gara inaugurale della passata edizione, mentre detto di Edoardo Forcieri retrocesso dal 3° al 4° posto e di David Montereale classificatosi 5°, la top ten è stata completata da Giuseppe Urso, Salvo Amata, Alessandro Miconi, Matteo Sogriacomo (ottimo il suo 9°posto se si considera che ha avuto un drive through) Antonello Susca, con Raffaele Diomaiuti 11° dopo una grande rimonta dopo essere piombato nelle ultime posizioni nelle battute iniziali. I due alfieri della Pescara SHS Michael Francesconi Gianfranco Pagoto sono stati classificati al 15° e 17° posto a causa di penalità rimediate per qualche incidente causato, un vero peccato perchè "sul campo" avevano recuperato fino al 9° e 10° posto.

Non c'è un attimo di respiro in questo Campionato Italiano FC4 2017/2018, sia in termini di tempo, in quanto la seconda gara si corre già giovedì 23 novembre, e sia in senso letterale, perchè sulla piccolissima pista di Adria i 32 piloti che prenderanno parte alle due gare soffriranno non poco di claustrofobia, e ci regaleranno probabilmente una gara estremamente caotica come quelle che hanno caratterizzato il campionato ACF4 dello scorso anno. La pista è davvero molto corta e tortuosa, tanto che si percorre in meno di 75 secondi, e di punti ideali per manovre di sorpasso ce ne sono veramente pochi; sarà davvero difficile per i vincitori di gara 1 riuscire a recuperare posizioni in gara2 partendo indietro, per cui anche la strategia assume una grande importanza. Alcuni top drivers potrebbero arrivare persino a sacrificare volontariamente qualifiche e gara1 per partire dalle prime posizioni in gara2, un pò come al Mugello avevano provato a fare David Montereale Antonio Di Gilio. Non perdetevi la diretta streaming in onda sul nostro canale youtube a partire dalle 21:15, sarà sicuramente una serata "pazza" ed imprevedibile!

Risultati Gara di Qualificazione

Risultati Gara 1

Risultati Gara 2

Classifica Piloti

Classifica Team

   

 Related news: 

[XGT] ROUND 05: Canada