19 - 04 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Ormai è chiaro che salvo clamorose sorprese questo campionato resterà apertissimo fino all'ultima gara, forse anche fino agli ultimi giri. Dopo sei corse sulle otto in programma sono solamente cinque i punti che separano il leader Danilo Santoro dal suo più immediato inseguitore Rens Klop, ovvero quelli che ha guadagnato con la vittoria in GiapponeDaniele Pasquali è invece a ben ventisei lunghezze dalla vetta, e le sue possibilità di vittoria sono ormai puramente matematiche ; il ritmo che il trio di testa è in grado di imporre ad ogni gara è enormemente più alto di quello di tutti gli inseguitori, perciò nelle prossime due gare qualsiasi cosa dovesse succedere a Santoro e Klop, essi saranno sempre e comunque in grado di finire la gara sul podio, o comunque nei primi cinque qualora Maurizio Fabbroni riuscisse a risolvere i problemi del suo pc e a prendere parte alle ultime gare. Dietro questi "fantastici quattro" c'è quasi sempre il vuoto più totale, rendendo di fatto impossibile a Pasquali recuperare in media tredici punti a gara. Discorso un pò meno aperto invece nel campionato riservato ai team, dove la Musto Racing dispone di trenta punti di vantaggio sullo Stealth Racing Orange; un margine relativamente rassicurante, considerando che al di fuori di un settimo posto di Pasquali in Australia entrambi i piloti del team di David Greco sono sempre finiti fra i primi cinque. Lotta apertissima invece per il terzo posto fra Fast & Aged e Reborn Racers, divise da quattro soli punti ed entrambe con una sola macchina al via in Giappone a causa rispettivamente dei problemi al pc di Fabbroni e di problemi di ping per Aquilini.

Danilo Santoro festeggia con questo burnout la sua seconda vittoria stagionale, che lo proietta in testa alla classifica con 5 punti di vantaggio su Rens Klop a due gare dal termine

In qualifica è stato Santoro ad imporsi, siglando così la sua prima pole position in carriera su SimRacingZone.net, ma i due alfieri della Musto Racing non sono stati da meno, piazzandosi immediatamente dietro, seguiti da Spitaleri. Al via Santoro ha abilmente tenuto la prima posizione, con Pasquali che ha cercato di avere la meglio sul compagni di squadra senza però avere successo; intanto Spitaleri è andato nella sabbia all'uscita della curva Spoon, e già dal primo giro ha perso contatto con il trio di testa. Fra i piloti autori di un'ottima prima parte di gara ci sono sicuramente i due simdriver del Fast & Aged Speed Demons, con Gianni Monaco in quinta posizione (e poi in quarta dopo un errore di Cornacchia) ma poi rimasto clamorosamente senza benzina nel corso del nono giro e costretto a perdere tantissimo tempo nel tentativo di raggiungere la pitlane sfruttando l'inerzia della sua auto. Anche il suo giovanissimo compagno di squadra David Montereale ha disputato un'ottima prima parte di gara, evitando di commettere errori nei quali invece sono incappati piloti ben più esperti come CornacchiaDelzoppoSchiavoni ed Harris, tutti autori di errori grossolani nei primi giri, che hanno permesso al fratello minore del fortissimo Francesco Montereale di trovarsi addirittura in quinta posizione.

Eccoli qua, i tre contendenti al titolo, aperti a ventaglio pochi istanti dopo la partenza per cercare di balzare subito in testa sin dalla prima curva

i primi tre hanno letteralmente fatto il vuoto sin dai primi giri, mettendo in mostra una superiorità a tratti quasi imbarazzante nei confronti di chiunque altro: mentre là dietro gli errori e i fuoripista si sprecavano, SantoroKlop e Pasquali sono stati autori di un primo stint tiratissimo, durante il quale sono rimasti quasi sempre a meno di un secondo l'uno dall'altro, pur senza cercare manovre di sorpasso. Lo show è iniziato dopo la loro prima sosta ai box, avvenuta al 10° giro per Pasquali, nel tentativo di un undercut che non è riuscito, e nel passaggio successivo per Santoro e Klop, che sono ripartiti appaiati nella pitlane, con l'alfiere dello Stealth Racing Orange che è riuscito a tenere a bada l'olandese. Nel frattempo però dietro di loro arrivava Pasquali che dato che si era fermato un giro prima aveva le gomme già in temperatura, e ha provato subito a sopravanzare il compagno di squadra, senza però riuscirci.

Al 16° giro Klop va sull'erba per evitare di tamponare Santoro e si gira, rientrando in pista intraversato proprio mentre sopraggiunge Pasquali, che evita di colpirlo con una grande prontezza di riflessi; da questo momento la gara di Santoro si è fatta sempre più in discesa 

L'episodio che ha deciso la gara è avvenuto all'inizio del 16° giro, quando all'uscita della prima curva Rens Klop ha scartato a sinistra finendo sull'erba per evitare un possibile tamponamento ai danni di Santoro che era uscito ad una velocità forse inferiore a quella che si aspettava l'olandese, che ha finito per perdere il controllo della sua auto sull'erba ed è poi ritornato in pista completamente intraversato nell'esatto momento in cui stava sopraggiungendo il suo compagno/rivale Daniele Pasquali, che ha tirato fuori una prontezza di riflessi assolutamente fenomenale ed è riuscito ad evitare un clamoroso incidente fra compagni di squadra che sembrava ormai certo. La vera e propria inchiodata di Pasquali ha permesso a Santoro di guadagnare quei due-tre secondi che ha poi saputo amministrare alla perfezione, non dando mai la possibilità al suo ex compagno di squadra di ricucire il gap, mentre Klop, finito anche in testacoda, ha perso oltre dieci secondi, perdendo di fatto la gara in quel momento.

Con questo sorpasso all'esterno di curva 1 nel corso del 36° giro Rens Klop si è portato in seconda posizione

La seconda e ultima sosta è avvenuta al 28° giro per i due piloti della Musto Racing, con Santoro che è invece rimasto in pista per altri cinque giri. Già al trentunesimo passaggio però la gara si è definitivamente indirizzata verso il pilota dello Stealth Racing Orange, in quanto Pasquali è finito fuoripista nel tentativo di doppiare Schiavoni (che comunque si era fatto da parte correttamente), e da quel momento i suoi tempi sono calati, tanto che in breve tempo è stato addirittura raggiunto da Rens Klop, che dopo un paio di giri di studio non ha avuto problemi a sopravanzarlo all'esterno di curva 1 nel corso del trentaseiesimo giro. La gara non ha avuto altri grandi spunti di interesse negli ultimi giri, così Danilo Santoro è andato a vincere la sua seconda gara stagionale e in carriera su SimRacingZone.net, la prima ottenuta "sul campo" in quanto in Australia era stato promosso in prima posizione in seguito alla penalizzazione inferta all'olandese della Musto Racing a seguito del contatto che c'era stato fra i due a tre curve dal traguardo. Podio completato da Daniele Pasquali, mentre Alberto Spitaleri dopo l'errore nel corso del primo giro è riuscito a tenere i nervi saldi ed è riuscito a recuperare fino al quarto posto, il massimo umanamente possibile dato il ritmo assolutamente inarrivabile del trio di testa. Quinta posizione per Giorgio Cornacchia, che dopo la battuta a vuoto della Malesia torna a mettere a segno punti pesanti ed importantissimi per il Fast & Aged in piena lotta per la terza posizione nella classifica riservata ai team, precedendo Stefano Delzoppo, la cui gara sembrava condizionata dopo un errore nelle fasi iniziali che lo aveva fatto scendere al dodicesimo posto, ma un passo gara consistente unito ai problemi e agli errori commessi da molti dei suoi avversari gli hanno permesso di ottenere questo risultato che oltre a tenere accese le speranze del ReBorn Racers in ottica terzo posto lo proietta anche verso la quinta posizione nel campionato piloti. Ottimo il settimo posto di Andrea Grillo, che dopo un avvio di stagione problematico in queste ultime due gare si sta togliendo delle belle soddisfazioni e sta dimostrando di meritare le attenzioni di qualche team, dato che al momento è un pilota privato. Ottavo posto per David Montereale, che dopo l'incredibile piazzamento a podio nella gara di apertura torna a respirare aria di top ten, anche se può recriminare su un testacoda commesso nel corso del trentatreesimo giro che lo ha privato di un possibile sesto posto. Aria di top ten anche per Maurizio Turri, che con questo nono posto per la prima volta in questo campionato ottiene un risultato all'altezza delle sue capacità, mentre la top ten non la molla neanche stavolta Dylan Harris, anche se in queste ultime due gare sta commettendo errori in serie che non gli avevamo mai visto fare, e qui in Giappone ha beneficiato dell'esiguo numero di piloti al traguardo (solo quattordici) per riuscire ad evitare un piazzamento molto più arretrato che avrebbe probabilmente ottenuto se avesse commesso questi errori in altre gare con più piloti all'arrivo. Peccato anche per Domenico Mallardo, che dopo un ottimo avvio di campionato è incappato qui in Giappone nel terzo ritiro consecutivo, stessa sorte toccata anche ad Alessandro Schiavoni che aveva tutte le carte in regola per cercare di ripetere l'ottimo quinto posto della Malesia ma che ha invece sprecato l'occasione con un testacoda nelle fasi iniziali e si è poi dovuto ritirare per un altro incidente nelle fasi avanzate della corsa.

L'appuntamento per la prossima gara è per lunedì 12 giugno, quando dalle ore 21:20 avrà inizio la penultima gara di questo avvincente Campionato Italiano ACF1, che si terrà in Brasile sul circuito di Interlagos: pista corta ma anche piena di insidie, con numerosi avvallamenti (in particolare uno all'uscita della descida do lago presente in questa mod) che potrebbero mettere in crisi la stabilità delle monoposto, specialmente a gomme finite o non ancora calde e ancor più specialmente nel corso del primo giro, quando quel tratto sarà percorso contemporaneamente da tutti i concorrenti. Ben cinquantanove i giri da percorrere, più di qualunque altra gara, e con tempi sul giro di meno di un minuto e quindici secondi anche i doppiati potrebbero giocare un ruolo determinante nella lotta per la vittoria, senza contare l'insidia della corsia dei box collocata in una posizione poco felice, che potrebbe causare qualche imbarazzo nel caso in cui un pilota dovesse entrare ai box mentre ha un avversario attaccato negli scarichi. Una gara certamente fondamentale, che in caso di vittoria di Santoro potrebbe rendere la situazione veramente difficile per Rens Klop, che sicuramente farà di tutto per non arrivare all'ultimo appuntamento ad Abu Dhabi con dieci punti da recuperare.

L'evento sfortunatamente non sarà trasmesso in diretta, ma potrà essere seguito attraverso il Live Map del portale.

Risultato Gara

Classifica Sim-Driver

Classifica Team

Gallery

Related news: 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation