23 - 02 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

La quarta gara di questo Campionato Italiano ACF1 2016/2017 Monza segna il giro di boa di quello che è il campionato a ruote scoperte più lungo mai disputatosi su SimRacingZone.net col simulatore Assetto Corsa, e segna anche i primi piccoli verdetti di un campionato comunque equilibratissimo ed incerto: questa era la gara determinante per la prosecuzione dei sogni di gloria dei top drivers che nelle prime tre corse non avevano raccolto quanto avrebbero potuto, e se Maurizio Fabbroni ha superato pienamente l'"esame" e si è reinserito in piena lotta per il titolo, altrettanto non si può dire per il suo compagno di squadra Giorgio Cornacchia e del pilota dello Stealth Racing Orange Alberto Spitaleri.

La gara è appena partita, con Fabbroni già in testa alla corsa, posizione che riuscirà a tenere anche sul traguardo, diversamente da Montereale e Cornacchia

Le qualifiche sono state dominate dai due team schierati dal Fast & Aged, con i loro quattro piloti che si sono piazzati nelle prime cinque posizioni in griglia, con il solo Rens Klop in grado di interromperne l'egemonia, qualificandosi quarto davanti a Gianni Monaco. Alle spalle dell' ormai solito poleman Maurizio Fabbroni, alla sua quarta partenza dal palo in altrettante gare, si è qualificato il giovanissimo David Montereale, classe 2002, che ha battuto ogni record di precocità per quanto riguarda un piazzamento nelle prime file in qualifica, mentre a parte Rens Klop gli altri pretendenti al titolo hanno un pò faticato, con SantoroPasquali e Spitaleri qualificati rispettivamente in settima, ottava e decima posizione.  

Primo giro da incubo per lo Stealth Racing Orange, con entrambi i piloti coinvolti nella carambola della prima curva

Allo start non ci sono stati stravolgimenti nelle prime posizioni, mentre un tamponamento a catena alla prima variante ha coinvolto fra gli altri entrambi i piloti dello Stealth Racing Orange, con Danilo Santoro che è riuscito a contenere i danni retrocedendo all'undicesimo posto e Spitaleri che è sprofondato nelle ultime posizioni. La Direzione Gara ha deciso di far entrare in scena la Safety Car, che ha quindi neutralizzato la corsa fino all'inizio del terzo giro. Al restart i due piloti del Fast & Aged Speed Demons si sono autoeliminati dalla lotta per le prime posizioni, con Montereale lunghissimo alla prima variante e Monaco nella sabbia alla seconda di Lesmo, dando il via libera alla coppia del Fast & Aged che si è involata al comando per tutto il primo stint di gara con un passo inavvicinabile per chiunque. Alle loro spalle KlopPasquali, l'ottimo Delzoppo e il leader del campionato Santoro, risalito in poco tempo fino alla sesta posizione. Nelle prime fasi di gara si registra il ritiro, a seguito di numerosi incidenti, di Domenico Mallardo, fino a questo momento la vera rivelazione di questo campionato.

Questo svarione all'uscita della seconda di Lesmo nel corso del 27° giro ha rischiato seriamente di compromettere la gara di Maurizio Fabbroni

Al quattordicesimo giro Pasquali e Santoro sono andati ai box per passare dalle gomme Medie alle gomme Hard, mentre i due piloti del Fast & Aged sono rimasti in pista qualche giro in più, fermandosi al diciannovesimo passaggio con Cornacchia e al ventesimo con Fabbroni. Ed è proprio in corsia box che la doppietta ormai quasi certa del Fast & Aged è andata in fumo, con Giorgio Cornacchia autore di un eccesso di velocità all'ingresso dalla pitlane che gli è costato un Drive Through. Dopo un bel duello con Tiziano Aquilini, che non si era ancora fermato ed ha sopravanzato senza timori reverenziali il leader virtuale della gara, Maurizio Fabbroni ha proseguito sul suo passo, e sembrava essere pienamente in controllo della gara, ma al ventisettesimo giro un sovrasterzo all'uscita della seconda di Lesmo con conseguente lieve impatto contro le barriere sembrava avergli compromesso anche questa gara; nel rientrare in pista infatti l'alfiere del Fast & Aged è stato sopravanzato da Daniele Pasquali, e poche curve più avanti anche il leader del campionato Danilo Santoro è riuscito a scavalcarlo, relegandolo al terzo posto. Quando tutto sembrava perduto, Pasquali e Santoro si sono incredibilmente rivelati essere su una strategia a due soste, e al trentaduesimo giro hanno riconsegnato la leadership a Maurizio Fabbroni andando ad effettuare la loro seconda sosta e rientrando anche dietro a piloti su una strategia ad una fermata, come Klop e Delzoppo.  

Anche la gara di Monza è stata piena di duelli all'arma bianca fra i pretendenti al titolo, per la gioia degli spettatori

Proprio Klop e Delzoppo pochi giri prima erano stati protagonisti di un terribile incidente, quando nel corso del trentunesimo giro si erano agganciati alla Curva Biassono finendo violentemente contro le barriere e perdendo qualche secondo che con Santoro e Pasquali in rimonta con gomme nuove sarebbe stato fondamentale per cercare di tenere la posizione. Il pilota del ReBorn Racers era quello un pò più attardato ed è stato superato senza particolari difficoltà, mentre spettacolare è stato il duello a tre fra KlopPasquali e Santoro, che dal trentanovesimo al quarantunesimo dei quarantaquattro giri in programma se le sono date di santa ragione per il secondo posto, con l'italiano della Musto Racing a svettare su Santoro e Klop, con quest'ultimo che si è difeso come ha potuto con gomme Hard molto più usurate di quelle dei rivali.

Con uno strepitoso 5° posto finale Dylan Harris aggancia Delzoppo in classifica generale e si candida ad essere il primo fra gli outsider

Dopo tre gare sfortunatissime, Fabbroni ottiene la vittoria che gli riapre completamente il campionato, forse non tanto dal punto di vista della classifica, dato che i suoi rivali per il titolo gli sono finiti subito dietro, ma certamente dal punto di vista del morale, e ora che finalmente in una gara priva di inconvenienti si è visto cosa è realmente capace di fare non gli è precluso neanche il titolo. Il suo passo gara, già velocissimo di per sè, assume ancor più valore se si considera che i suoi rivali diretti erano su una strategia a due soste, quindi avevano meno benzina a bordo e dovevano preoccuparsi molto meno della gestione delle gomme, ma nonostante questo l'alfiere del Fast & Aged ha fatto il vuoto nella prima frazione di gara, come se fosse lui quello con meno benzina a bordo e destinato a fermarsi una volta in più. I tre leader del campionato terminano subito alle spalle del vincitore, e la loro classifica di campionato rimane sostanzialmente invariata rispetto alla gara precedente: ora il vantaggio di Santoro su Klop sale da tre a cinque lunghezze, mentre Pasquali ricuce leggermente le distanze e si porta a quindici punti dalla vetta. Al netto delle penalità comminate dalla Direzione Garail quinto posto è andato ad un ottimo Dylan Harris, autore di un'altra gara assolutamente ineccepibile sotto il profilo della guida e della costanza, mai coinvolto nel benchè minimo contatto e ora primo fra gli outsider in classifica generale, dietro soltanto ai piloti dei tre team dominanti. Giorgio Cornacchia conclude in sesta posizione una gara che senza l'eccesso di velocità in pitlane lo avrebbe probabilmente anche visto vincere, dato l'errore a Lesmo di Fabbroni, ma ha comunque dato spettacolo con una lotta infinita con Tiziano Aquilini, durata per parecchi giri, interrotta da un contatto alla Roggia e poi ripresa proprio negli ultimissimi giri, con Aquilini che alla fine si è dovuto arrendere, ottenendo comunque il suo miglior risultato stagionale. Gara completamente storta invece per Alberto Spitaleri, che dopo l'incidente al via in cui è sprofondato in fondo al gruppo si è poi reso protagonista di altri errori ed incidenti, venendo classificato in undicesima posizione e perdendo di fatto ogni speranza di lottare ancora per il titolo.

La prossima gara di questo appassionante Campionato Italiano ACF1 2017 avrà luogo in Malesia, una pista molto severa con le gomme, la cui gestione potrebbe rivelarsi ancora più importante del passo gara, e sicuramente non mancheranno colpi di scena. L'appuntamento, come di consueto, è sul canale youtube di SimRacingZone.net, dove a partire dalle ore 21:00 andrà in onda la diretta streaming della corsa.

Risultato Gara

Classifica Sim-Driver

Classifica Team

Gallery

Related news: 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation