23 - 10 - 2017
Sponsors

nextlevelracing.com

rackservice.org

razerone.com

netgear.it

primi sui motori con e-max

Se Francesco BigazziPescara SHS, ha conquistato il titolo sim-drivermeritatamente, la Musto Racing ha invece trionfato in quello team, grazie alla coppia formata da Muhammed Patel e Marco Conti, rispettivamente secondo e quarto nella classifica finale del Campionato italiano rF1. Con questa affermazione, la Musto Racing raccoglie il quarto sigillo nella massima serie, confermandosi il team più vittorioso nella storia della competizione. Abbiamo allora intervistato il suo storico Team Manager, David Greco, che ci parla anche del suo futuro da sim-driver professionista.

SRZ: La stagione della Musto Racing deve ancora completarsi, ma il titolo del Campionato italiano rF1 è già nel palmares. Un risultato difficile da ottenere con una concorrenza molto agguerrita in pista, come hanno affrontato la stagione i tuoi sim-driver?

D.G.: "Si sono impegnati tutti al massimo e sono contentissimo di questo risultato. E' mancato soltanto il titolo sim-driver, ma sono contento che l'abbia vinto un ragazzo molto forte e valido come Francesco Bigazzi. Vorrei cogliere l'occasione per ringraziare pubblicamente tutti i miei sim-driver, sia quelli titolari che le riserve. Non vedo l'ora di fare da istruttore sulla Formula Predators PC008 per la prima volta nella realtà ai miei ragazzi. Questo premio se lo sono proprio meritato."

SRZ: La Musto Racing si è aperta anche ad Assetto Corsa, ottenendo sin da subito importanti affermazioni, come quella della coppia Gianfranco Giglioli-Jonathan Cecotto nel Campionato Italiano ACF2. Pensi che per i team sia importante competere su più simulatori e non restare fermi su un unico titolo? Se sì, perchè?

D.G.: "Chi mi conosce sa che se c'è da correre, ed il campionato è bello ed affascinante, non interessa il simulatore, ma interessa soltanto correre, fare del proprio meglio e cercare di vincere. Io credo che un team debba puntare sempre al massimo e cercare di diventare sempre più professionale. Noi personalmente preferiamo rFactor2, anche perche' siamo più esperti di questo simulatore, ma non denigriamo gli altri, anzi è uno stimolo in più riuscire a far bene anche su piattaforme non troppo familiari. Fa soltanto che bene correre su più di un titolo di simracing, dovrebbero farlo anche gli altri team. Per fortuna non siamo gli unici, ma dovrebbe essere ancora più diffusa questa pratica."

SRZ: La Musto Racing quest’anno è cresciuta molto, non solo come numero di sim-driver, ma soprattutto come organizzazione. Come è gestito attualmente il team?

D.G.: "Il ruolo di Michele D'Alessandro è fondamentale e non potrò mai ringraziarlo come merita. Non ci sono parole sufficienti per descrivere il suo operato. E' semplicemente fantastico. Senza di lui sarebbe stato impossibile mandare avanti la Musto Racing. Mi sono fidato ciecamente di lui, e sono stato ripagato egregiamente. In più, i ragazzi sono stati tutti fantastici e hanno seguito alla perfezione tutto quello che gli e' stato detto. E' veramente uno sport di team, e quest'anno abbiamo avuto un gruppo fantastico, molto unito, e spero possa rimanere così a lungo."

La Musto Racing ha vinto il titolo costruttori del Campionato Italiano rF1: TM e sim-driver titolari potranno scendere in pista alla guida di una vera monoposto da corsa

SRZ: Quanti sim-driver conta attualmente il team Musto Racing? Quali secondo te hanno le potenzialità per entrare tra i più forti al mondo?

D.G.: "Credo piu' di 20. Ne ho parecchi con potenzialità enormi, ma non lo dico perchè poi magari si montano la testa. Devono tutti continuare a lavorare duramente, e, chissà, un giorno potranno partecipare a grandi eventi e firmare contratti per aziende famose nel settore."

SRZ: Avete stretto importanti partnership con aziende del settore, ci puoi parlare delle collaborazioni che avete ottenuto e che supporto vi forniscono?

D.G.: "Beh, sicuramente la Thrustmaster ci offre di tutto: da sconti su qualsiasi prodotto a ricambi, quindi un'assistenza efficace e veloce, di solito il tutto si risolve entro le 2 o 3 giornate lavorative! E poi ovviamente volanti, basti pensare che per il World Championship di FSR ci ha fornito ben 4 volanti TS-PC Racer! Quindi ringrazio tantissimo la Thrustmaster. Poi ringrazio moltissimo la BMSeat di Massimo Bottello, che fornirà una postazione completa di tutti gli accessori a uno dei nostri sim-driver attualmente iscritti al Campionato Italiano rF2..."

Uno dei sim-driver Musto Racing, Musto Plus, Sabema Racing o Sabema Plus impegnati nel Campionato Italiano rF2 riceverà un bel regalo da BMSeat...

SRZ: Il fatto che i team ed i sim-driver riescano ad ottenere delle sponsorizzazioni importanti fa capire che il mondo della simulazione di guida sta diventando sempre più importante. Pensi che in futuro i team potranno avere un maggior supporto dalle aziende del settore?

D.G.: "Più che i team, io penso i piloti potranno avere grandi sponsor ed arrivare ad esser pagati per correre. I team possono, anzi, sicuramente aiutano a mettere in mostra le potenzialità di ogni sim-driver e quindi sono effettivamente dei trampolini di lancio per i migliori. I Team Manager devono organizzarsi meglio, soprattutto in Italia, ed in maniera più seria. Alcuni atteggiamenti rovinano le possibilità che questo mondo ha di svilupparsi in maniera professionale, ma nei prossimi anni saranno gli sponsor stessi a fare selezione. E' chiaro che si dirigeranno solo verso i team meglio organizzati."

SRZ: David Greco come sim-driver ora è ufficialmente del team Thrustmaster, come cambia questo il tuo ruolo di Team Manager?

D.G.: "Mah, come ruolo di Team Manager non mi cambia assolutamente nulla, rimarrò, assieme a Michele D'Alessandro, alla guida della Musto Racing, e continuerò ad aiutare i miei ragazzi sia in pista che fuori. E' uno dei miei obiettivi principali farli crescere, è una passione per l'automobilismo che scarico anche in questo modo. Spero di portarne tanti ad alti livelli."

Greco è impegnato nell'Eurogamer Assetto Corsa Championship con il team ufficiale Thrustmaster White

SRZ: Come vedi i prossimi cinque anni del simracing italiano ed internazionale? Avremo una crescita esponenziale dell’eSport motoristico oppure l’attenzione mediatica e delle aziende è solo momentanea?

D.G.: "Avremo molte risposte entro quest'anno ed il prossimo. Se tutto va come deve andare, vedremo un salto di qualità enorme, eventi con grandissimi premi e montepremi ovunque, tante aziende importanti del settore formare veri e propri team professionali, ingaggiando con veri e propri contratti i sim-driver che riusciranno a mettersi in mostra. Vedremo per la prima volta dei veri e propri professionisti dei simulatori di guida, sia PC che console. La Vega E-Race e l'Eurogamer Assetto Corsa Championship sono due ottimi esempi di come questo mondo si stia evolvendo, sta a noi far si che questo cammino continui a portare miglioramenti."

SRZ: Su quali titoli punteresti nei prossimi anni per ottenere la simulazione più completa possibile?

D.G.: "Per me, fisica di rFactor2, con grafica e broadcast di iRacing (amo la nitidezza e la tonalita' dei colori di iRacing), la struttura online di iRacing, il tutto sotto una sola organizzazione. Sarebbe il top. Poi se tutto fosse possibile anche su console, il mercato si amplierebbe in modo fantastico. Però, sapendo che tutto ciò sara' praticamente impossibile, almeno nel breve termine, io personalmente su PC punto su rFactor2 e iRacing, mentre su console GT Sport, PCars2 ed F1."

Greco punta su rFactor2...

SRZ: Per concludere ti chiedo qualche news riguardante il prossimo F1 2017, sarà un titolo appetibile anche per gli amanti di simulazione su PC?

D.G.: "Dipende da cosa la gente crede sia un simulatore. Sicuramente è un'ulteriore evoluzione del 2016 e ci saranno più cose da gestire per i sim-driver. Il lavoro sulla fisica lo renderà ancora più simulativo. Potrebbe essere molto interessante un vero e proprio campionato su questo titolo. Staremo a vedere."

Related news: 

[XGT] ROUND 05: Canada