25 - 04 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Michele D'Alessandro ha dato seguito alla sua prima affermazione in carriera nel Campionato Italiano rF1, ottenuta all'Hungaroring in seguito alla penalizzazione di Francesco Bigazzi, conquistando la vetta del circuito dei circuiti, ovvero Spa-Francorchamps. Il sim-driver Sabema Racing ha infatti sfoggiato una brillante prestazione che, unita alla perfetta strategia, ha abbattuto la pur sempre impeccabile prova del leader della classifica generale, scattato ancora una volta dalla pole-position.

Serie infinita di pole-position per Bigazzi...

Le due vittorie consecutive hanno però un sapore agrodolce per D'Alessandro: la soddisfazione di un ruolino di marcia così prestigioso è certamente motivo di vanto, ma l'impossibilità vera e propria di riaprire la sfida al titolo è un cruccio difficile da alleviare. L'italiano di origini svizzere è però, a questo punto, l'unico vero rivale di Bigazzi, sia perchè Muhammed Patel e Marco Conti, quest'ultimo tornato sul podio proprio nell'SHS Belgian GP, sono troppo distanti sia perchè ormai costantemente meno veloci dello stesso D'Alessandro.

Con il D2D Automotive Singapore GP all'orizzonte, settima prova del Campionato Italiano rF1, ecco le dichiarazioni di D'Alessandro e Conti, rispettivamente primo e terzo, registrate nel post-gara di Spa-Francorchamps. Da non perdere la diretta di domani sera, giovedì 23 febbraio, sul canale twitch di eurogamer.it a partire dalle 21:20.

SRZ: Seconda vittoria consecutiva, campionato vicino dall'essere riaperto. A sorpresa sei tu l'unico avversario di Bigazzi nella lotta al titolo. Ti aspettavi di crescere così tanto in questa stagione? Ormai i tuoi compagni di squadra sono stabilmente alle spalle, è l'anno decisivo per la consacrazione della nuova generazione?

M.D.: "Questa vittoria per me vale molto più dei soliti 30 punti in classifica, è la prima vittoria che arriva in pista nel Campionato Italiano rF1, vittoria che sembrava non arrivare mai. Vorrei condividerla con tutto il team Musto Racing, da Patel a Greco poi Conti e Klop... e naturalmente tutti gli altri. Menzione speciale per Andrea Tufariello che mi è affianco da anni, prima in BlueBolt Racing e poi qui in Musto, ed è forse l'unico che da quando mi segue ha sempre creduto in me. La crescita rispetto all'anno scorso c'è stata soprattutto in qualifica, infatti in gara me la sarei potuta giocare sempre per il podio ma partendo dietro era molto più difficile lottare per le prime posizioni. L'anno scorso in rF1 ho avuto una stagione tutto sommato buona, anche se priva di soddisfazioni, ma dopo quel campionato ho avuto un periodo disastroso su FSR, quindi non sapevo bene cosa sarebbe successo in questa nuova annata. Fortunatamente mi trovo bene col mod, sto facendo pochissimi errori e sto crescendo di gara in gara... e devo continuare così. Diciamo che sono anche stato un po' fortunato, ad esempio nelle ultime due gare: avevamo tutti lo stesso passo gara io, Muhammed e Marco."

SRZ: Vincere è sempre bello, ma farlo a Spa-Francorchamps lo è ancora di più. La vittoria è arrivata sul filo del rasoio, in virtù di una strategia molto aggressiva che però ti ha permesso di raggiungere Bigazzi solo nel finale. Hai temuto di non riuscirci?

M.D.: "Personalmente la strategia ad una sosta di Bigazzi mi ha un po' sorpreso, noi in Musto Racing non avevamo nemmeno considerato l'idea di provare le hard vista la facilità con cui si poteva passare in questa pista. Quindi in gara non sapevo bene quanto Bigazzi stesse spingendo e quale fosse il comportamento delle gomme dure durante l'intero stint, per questo nel primo stint con le soft ho cercato di spingere ma allo stesso tempo allungare, in modo da avere più gomma per l'ultima parte che sarebbe poi stata decisiva. Nell'ultimo stint non ho fatto altro che gestire le gomme, poichè sapevo che a fine gara quando mi sarei avvicinato a Bigazzi, lui avrebbe spinto da matti come aveva fatto in Malesia con Patel. Non appena l'ho raggiunto a due giri dal termine sapevo che avrei vinto dato il mio vantaggio di gomma, dovevo solamente essere calmo e furbo, ma subito mi ha ceduto la posizione alla bus stop cogliendomi un po' di sorpresa, poiché me lo sarei più aspettato alla prima curva come ha poi fatto il giro dopo. In tutto questo però sapevo a che gioco stava giocando ed ero pronto, quindi quando all'ultimo giro ha tentato di nuovo di farmi passare, questa volta alla prima curva, non ho fatto altro che aspettare che passasse per primo in modo da poter utilizzare il DRS sul rettilineo e andare via nel 2° settore. Ci sono stati un paio di momenti in cui ho dubitato della mia strategia, tipo alla fine primo stint quando in un paio di giri non guadagnavo praticamente nulla, anzi ho pure perso qualcosa, ma alla fine è andata bene."

SRZ: Il tuo compagno di squadra non riesce davvero a mettere in fila due risultati positivi di fila. E' un gran peccato, perchè viste le prestazioni delle ultime settimane avreste potuto anche voi risalire prepotentemente la classifica. Il fatto che a lottare per il titolo costruttori sia la Musto Racing, ma che tu faccia parte della Sabema Racing, può essere un problema dal punto di vista strategico?

M.D.: "Posso dire ben poco a Rens. Nelle ultime gare si sta impegnando molto e sta facendo bene, ma è tartassato dalla sfortuna. In Australia è stato vittima del bug dell'ala posteriore dopo nemmeno due curve, a Silverstone e qui a Spa invece è stato coinvolto in incidenti in cui non ha colpe. Soprattutto qui stava facendo bene, era sesto e avrebbe potuto guadagnare qualche posizione prima della fine della gara.

No, non credo sarà un problema, il campionato piloti è in mano a Francesco che solo con un errore può perderlo. I punti di distacco con l'attuale punteggio sono comunque tanti, quindi il nostro primo obbiettivo in questo momento è il titolo costruttori e non avrò problemi ad aiutare il team Musto Racing."

SRZ: Dopo quattro gare giù dal podio, finalmente torni al terzo posto. Questo è certamente positivo, ma dall'altro lato sorprende annotare come il tuo miglior risultato stagionale sia proprio il secondo gradino del podio. Al di là delle sfortune, cosa sta succedendo quest'anno? Come spieghi la perdita di prestazione rispetto all'anno scorso?

M.C.: "Per quanto riguarda le prestazioni penso che molto dipenda dalla mia non eccezionale predisposizione al giro secco in Q2. Spesso, anche se non sempre, avevo nel piede il tempo per poter partire magari in pole o in prima fila, e invece mi sono trovato in terza. Al di la' di questo, il motivo principale risiede nel fatto che non riesco a gestire il consumo cosi bene come i miei compagni di squadra, mentre l'anno scorso ero molto a mio agio nel gestire bene il degrado termico. Non sono ancora riuscito ad adattare il mio stile di guida al mod di quest'anno. Dispiace, ma almeno così scacciamo tutte le teorie complottistiche del tipo "chi fa il mod è avvantaggiato"."

SRZ: La coppia composta da te e Patel è altamente competitiva, il titolo costruttori è a portata di mano mentre quello sim-driver sembra definitivamente sfumato. Pensate di riuscire a tornare in testa? A questo punto, D'Alessandro diventa un possibile alleato o una possibile minaccia in grado di sottrarre punti utili per il costruttori?

M.C.: "Michele quest'anno sta andando fortissimo e le ultime due gare lo hanno giustamente ripagato di tutti gli sforzi che ha compiuto per arrivare fin lì, penso possa rappresentare soltanto un'ulteriore motivazione per me per dover spingere di più. Io e Patel corriamo insieme da anni, abbiamo speso diverse stagione insieme su FSR nello stesso team, una volta ero un po' più veloce di lui, ora beh.. .io ho 34 anni e lui giovanissimo, mi sta dando filo da torcere. Ci stiamo impegnando molto, la lotta è molto serrata, a Patel spetta il compito di battere Bigazzi mentre a me quello di finire almeno davanti ad Eros. Sarà interessante fino alla fine."

I Gran Premi del Campionato Italiano rF1 sono trasmessi sul canale twitch di eurogamer.it, ma disponibili on-demand anche sul canale YouTube della SRZTV

Risultato Gara

Gallery

Related news: 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation