23 - 03 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Il Campionato Italiano rF2 è senza ombra di dubbio una delle competizioni più attese, se non la più attesa, tra quelle che SimRacingZone.net offre annualmente ai suoi utenti. Assieme al Campionato Italiano rF3, si divide il posto per il torneo più apprezzato e più appassionante di ogni stagione, raccogliendo sistematicamente oltre 30 partecipanti ai blocchi di partenza. E' stato così sin dalla primissima edizione, la 2008/2009, nella quale figuravano tanti dei nomi attualmente al top del simracing italiano e, in parte, anche internazionale. Anno dopo anno, gara dopo gara, mod dopo mod, il campionato giunge ora alla sua ottava edizione che, come da tradizione, regalerà una volta di più grande spettacolo.

Dal punto di vista della "carriera virtuale", le prime due edizioni del Campionato Italiano rF2 sono state le meglio riuscite. I vincitori, Marco Conti ed Enrico Di Loreto, dovettero lottare con il coltello tra i denti per primeggiare rispettivamente su Fabrizio Gobbi ed Ivan Assanelli, altri due nomi importanti nel panorama nazionale delle corse simulate. Ciò che spinse i due piloti di IES Racing Team e WhiteBolt Team così in alto fu l'orgoglio, la voglia di far valere la propria forza in Italia, l'intenzione di arrivare a giocarsi il titolo nella categoria più importante, quella del Campionato Italiano rF1. E così è stato. Di Loreto ha portato la BlueBolt Racing a traguardi prestigiosi nella massima serie del portale, mentre Conti ha ereditato lo scettro proprio un anno fa, succedendo al trono di David Greco. Per entrambi si può certo dire che la scuola del Campionato Italiano rF2 sia servita eccome a proiettarli ai massimi livelli, anche mondiali, su rFactor ed rFactor2.

Conti e Di Loreto hanno vinto le prime due edizioni del Campionato Italiano rF2

La perfetta funzionalità della seconda categoria del portale ha iniziato ad incepparsi a partire dalla stagione 2010/2011. Ciò non toglie che le emozioni e lo spettacolo non siano stati di assoluto livello, come d'altronde la competitività in pista, ma da questo momento in avanti i vincitori non sono più riusciti ad imporsi, anche solo a metà gruppo, nel Campionato Italiano rF1. E' successo a Vito Conigliaro che, dopo il titolo ottenuto con la Sicilia Racing, è completamente sparito dai radar, stessa sorte di Alberto Fontana nel 2011/2012 e di Matteo Vecchioni nel 2012/2013. I primi due hanno abbozzato, a più riprese, un'esperienza nella categoria più importante, ma, dopo qualche buon risultato e molteplici delusioni, hanno abbandonato senza riuscire a trovare la giusta costanza di rendimento. Vecchioni, invece, ragazzo prodigio dello Skizzato Racing Team, addirittura non ha nemmeno provato a scendere sui tracciati del Campionato Italiano rF1, chiudendo di fatto la sua carriera virtuale con il titolo rF2 ottenuto a svantaggio di Stefan Kanitz.

Molti dei campioni rF2 hanno appeso il volante al chiodo dopo il titolo

Ha confermato questo pessimo trend anche Claudio Bivacqua. Il siciliano, assoluto dominatore della più recente edizione del Campionato Italiano rF2, la prima tenutasi su rFactor2, ha fatto giusto in tempo a collezionare due ritiri in altrettanti appuntamenti (Australia e Malesia), prima di scaricare l'impegno del Campionato Italiano rF1 e portare all'eliminazione dell'Hashtag Racing Team, rimpiazzato dal team britannico GhostSpeed Racing. Insomma, degli ultimi cinque sim-driver laureatesi campioni del Campionato Italiano rF2, quattro sono completamente spariti da SimRacingZone.net. L'unica eccezione è rappresentata da Alessandro Faluschi, vincitore nella stagione 2013/2014, il quale ha comunque collezionato solo una manciata di presenze da quel momento in avanti, senza mai lasciare particolari tracce. Ad ogni modo, è tutt'ora nel giro della Musto Racing, per cui è probabile che quest'ultimo possa quanto meno rimettersi in discussione nel breve periodo.

Molle è uno dei sim-driver che ha avuto l'approccio migliore al Campionato Italiano rF1 dopo la partecipazione al Campionato Italiano rF2

Le note positive sono rappresentate da sim-driver quali Michele Molle, Andrew Baranowski o Andrea Cannatà (giusto per citarne alcuni), sim-driver che, pur non titolati, hanno fatto il salto dal Campionato Italiano rF2 al Campionato Italiano rF1 senza timori reverenziali, impegnandosi a fondo per dare il meglio e per togliersi la soddisfazione di entrare qualche volta in top10. Lo stesso tipo di impegno e di entusiasmo si spera uscirà dai nomi coinvolti quest'anno nella lotta al secondo titolo più importante del portale, quelli che dovranno per forza rappresentare il futuro della massima competizione di SimRacingZone.net.

Ci sono 9 Gran Premi e 3 mesi di tempo per scoprire chi sarà il nuovo volto simbolo del Campionato Italiano rF2, campionato che, dal punto di vista costruttori, è stato vinto due volte dallo Skizzato Racing Team, una volta dallo Snail Team, una volta dalla Pescara SRT, una volta dalla Sicilia Racing, una volta dalla BlueBolt Racing ed una volta dall'IES Racing Team. Chi la spunterà nell'ottava edizione lo sapremo solamente a giugno! Primo round fissato per mercoledì 23 marzo, in diretta sul canale YouTube della SRZTV a partire dalle ore 20:45.

Related news:

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation