23 - 03 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Una delle competizioni pilastro di SimRacingZone.net è tornata di attualità con rFactor2, dopo che nella stagione 2014/2015 non era stata disputata. Il Campionato Italiano rF3 festeggia così le sue sette edizioni esordendo all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, in occasione della prima delle sette tappe in programma. Come ampiamente anticipato, sono stati ben 32 i sim-driver a scendere in pista, molti dei quali alla loro primissima esperienza nel mondo della simulazione di guida. Il risultato è stato davvero piacevole, una serata di gara divertente, corretta e mai scontata, che ha visto vincere Michael Bonacina e, in generale, la Pescara SRT. I fantasmi visti nello Special Event rF31516 @ Monza del 14 Ottobre sono spariti presto, grazie all'intelligenza dei partecipanti, bravi ad evitare grossi incidenti, e al server, tornato nella sua forma migliore.

Le Qualifiche - Giacomo Ranzini, Pescara SHS, è tra i primi a lanciarsi in pista, ed è anche subito il primo della classifica. Il sim-driver milanese parte fortissimo, rifilando oltre un secondo a tutti i suoi avversari, compreso il compagno di squadra Bonacina. Alle sue spalle si alternano un pò tutti, da Andrea Cosentino, Hashtag Racing Team, a Daniele Vella, Sabema Racing, passando per Nicola Gazzilli, Pescara SUD. In ogni caso, il vantaggio di Ranzini resta imponente, anche perchè alla seconda scorrazzata sull'asfalto imolese, il lombardo migliora ulteriormente il proprio tempo, marcando un 1:37.495. Nell'arco dei 20 minuti e 12 giri a disposizione, nessuno riesce ad impensierirlo, se non Federico Biffano, Musto Racing, che, dopo aver atteso nel proprio garage qualche minuto in più degli altri, si ritrova pista completamente libera sul finire della sessione, e manca la pole-position position per appena 71 millesimi. Anche Gazzilli migliora passaggio dopo passaggio, risale in quarta posizione e, nel suo ultimo tentativo, accumula un vantaggio di oltre tre decimi sino al settore centrale, salvo poi sbagliare alla Rivazza e compromettere il tempo. In prima fila, così, Ranzini è affiancato da Biffano, mentre in seconda Bonacina da Gazzilli appunto. Quinto posto per Cosentino, sesto per Roberto Deiana, entrambi delle belle conferme dopo i test precampionato, settimo per Manuel Biancolilla, ottavo per Andrea Pezzè, nono per Daniele Vella e decimo per Giuseppe Urso.

Griglia di partenza foltissima anche su rFactor2: il Campionato Italiano rF3 è un must di SimRacingZone.net

La partenza - Al via, le due Pescara SHS scattano perfettamente, Ranzini prende subito un buon margine mentre Bonacina beffa Biffano, portandosi al secondo posto. Ottima partenza anche per Cosentino che, alla prima curva, riesce a guadagnare la posizione su Gazzilli, sfruttando al massimo la traiettoria interna. Il resto del gruppo transita regolarmente, non ci sono particolari contatti, anche se di lì a pochi metri fa il suo ingresso la Safety Car. Due vetture arrivano leggermente lunghe al Tamburello e, nel rientrare in pista, pur regolarmente, disturbano la porzione centrale del plotone. Si innesca un incidente che vede coinvolti circa quattro o cinque sim-driver, i quali riprendono subito regolarmente la carreggiata e chiamano i box per riparare i danni, per fortuna non consistenti. Tutti i partecipanti dimostrano quindi un'ottima conoscenza del regolamento e una perfetta gestione delle fasi di Safety Car, durante le quali non si rinvengono particolari problemi. In ripartenza, Biffano è ancora una volta poco reattivo e viene fregato da Cosentino, che per poco non scavalca anche Bonacina. Davanti, Ranzini prende subito il volo, accompagnato, a circa due secondi, dal compagno di squadra. E' un dominio Pescara SHS, con il crotonese dell'Hashtag Racing Team intento a difendersi dal ritorno di Biffano e Gazzilli, che però, su un tracciato come quello di Imola, incontrano numerose difficoltà nel preparare un vero e proprio attacco. Ad eccezione di un contatto tra Antonio Mancini e Marco Panzera, non ci sono altre situazioni pericolose da segnalare, la gara scorre via tranquillamente, sempre interessante e avvincente seppur priva di grandi battaglie o sorpassi. Tanti i trenini di vetture, sciolti solo da eventuali errori dei protagonisti... E' il caso di quello per la terza posizione: Cosentino, nel corso del giro 12, sbaglia alla Piratella, finisce largo e perde parzialmente il controllo della propria vettura, insabbiandosi alle Acque Minerali. Nonostante lo spavento, la vettura è ancora integra e può così tornare in pista, pur perdendo numerose posizioni e, di fatto, le chance di giocarsi il podio.

Nonostante una buona partenza, alcune vetture danneggiate costringono la Safety Car a fare il suo ingresso in pista

Il momento chiave - Dopo l'errore di Cosentino, la classifica sembra congelata. Ranzini amministra su Bonacina, Biffano su Gazzilli, con quest'ultimo che rientra ai box anticipatamente, davanti a Biancolilla, Pezzè e Vella. Al ventesimo giro, però, lo scellerato rientro in pista di Christian Menna, RBS Racing by IES, in prossimità dell'uscita del Tamburello, travolge l'incolpevole Biffano, che viene sbalzato contro le barriere. Nella circostanza viene inoltre coinvolto Silvio Tricomi. In seguito a questo inaspettato episodio, il sim-driver della Musto Racing perde il terzo gradino del podio, è costretto a riparare alcuni danni durante la sosta ai box e deve accontentarsi del sesto piazzamento, non senza aver lottato con Pezzè, deciso a soffiargli la posizione nelle ultime curve. Sale al terzo posto, così, un'altra Pescara SRT, quella SUD di Gazzilli.

Ranzini, Bonacina e Gazzilli sono pronti a festeggiare un ritorno in pista di successo, ma un altro colpo di scena arriva a pochi metri dal traguardo. Il leader indiscusso della serata termina la benzina, lascia sfilare i compagni ed è costretto a chiudere al terzo posto. Una beffa incredibile, che si concretizzerà anche con una penalizzazione per non aver completato il giro finale di rientro ai box. Ne potranno così approfittare Biancolilla, ufficiosamente quarto, e Cosentino, risalito fino al quinto posto. Per Biffano, come già detto, arriva un mesto sesto posto, davanti a Pezzè, mentre la top10 è completata da Vella, Urso e Deiana. Di fatto, chiudono nelle prime dieci posizioni coloro che sono partiti nelle prime dieci posizioni, nessuno è riuscito ad inserirsi. Ci ha provato Andrea Corsetti, IES Racing Team, autore di una bella rimonta dalla ventunesima posizione terminata con l'undicesima. Bene anche Gianluca Di Quinzio, dodicesimo con l'Hashtag Plus Team, e Antonio Mancini, tredicesimo dopo tantissimi anni passati lontano dalle competizioni agonistiche. Sfortunato Sergio Varani, che, al pit-stop, monta erroneamente gomme wet, e scivola quindi in diciannovesima piazza.

I protagonisti del campionato hanno ora poco tempo per preparare il secondo appuntamento stagionale, già alle porte. Mercoledì 28 Ottobre si volerà infatti a Poznan, in Polonia, altro tracciato per nulla semplice da interpretare. Nel frattempo, è possibile rivivere le emozioni del Gran Premio inaugurale attraverso l'OnDemand della SRZTV.

Risultato Gara

Gallery

Related news:

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation