23 - 03 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Tra poco più di 24 ore si aprirà la seconda fase del Campionato Italiano GT, campionato che nell'arco di un mese, attraversando Brasile, Cina, Giappone e Belgio, decreterà i suoi vincitori. A differenza delle passate edizioni del torneo, le classifiche sono decisamente più compatte ed incerte, specialmente in SRZGT1, dove in genere i pretendenti al titolo erano al massimo due. A conferma di ciò, per la prima volta nella storia della competizione sono elementi iscritti in SRZGT2, quali Marco Conti e l'SKZ Musto Racing, a guidare la classifica assoluta, quella che tiene conto del risultato di tutti i partecipanti in ambo le categorie.

Archiviati gli appuntamenti di Silverstone ed Estoril, entrambi della durata di 60 minuti, il circus si è spostato tre settimane fa negli Stati Uniti, per la prima simulazione di endurance a Sebring. Nella classe più veloce, Giancarlo Rossi, su Ferrari, ha interrotto il dominio di David Greco, ottenendo la sua prima affermazione nel Campionato Italiano GT. Dopo una splendida pole-position, il sim-driver bergamasco ha gestito il primo stint in maniera impeccabile, senza subire la pressione di Alessandro Puoti che, staccato di due secondi, ha più volte provato a portarsi sotto, senza però riuscirci concretamente. In difficoltà con la Nissan invece, il campione in carica Greco ha dovuto azzardare una strategia diversa, anticipando il pit-stop per problemi di gomme e provando un difficile undercut sul sim-driver dell'SHS by Pescara SRT. La mossa ha inizialmente portato buoni frutti, ma a lungo andare il pilota dell'SKZ Musto Racing non ha potuto nulla sull'arrembante napoletano che, dopo aver tentato numerose azioni di disturbo, è riuscito ad avere la meglio inducendo Greco all'errore. Bella e difficile la sfida tra i due, andata in gran parte di scena nell'oscurità della notte. I primi tre hanno così tagliato il traguardo racchiusi in 15 secondi, precedendo Alessandro Faluschi, Eros Masciulli, autore di una splendida rimonta dopo essere scattato dal fondo di categoria per penalità, Mario Mazzelli, Matteo Mascetti e Dennis Grassi. Da segnalare l'amaro ritiro di Nicola Pagani che, mentre occupava la quarta posizione, ha dovuto abbandonare il server a causa di un problema tecnico. Il suo risultato sarebbe stato di fondamentale importanza nelle aspirazioni al titolo costruttori.

In SRZGT2, Conti ha letteralmente fatto gara a sè, cogliendo la terza vittoria consecutiva. Partito ancora una volta davanti a tutti, il toscano ha chiuso con un giro di vantaggio sul compagno di squadra Andrew Baranowski, costretto ad una lunga sosta per riparare i danni dovuti ad un testacoda. Al terzo posto si è confermato Marco Boscariol, con la Porsche dello Snail Team, mentre la prima vettura di marca diversa è quella dell'RFDT Rookie Team, la Lamborghini di Salvatore Carollo che colleziona un ottimo quarto posto. La corsa non ha regalato grandi duelli, se non qualche accenno nelle fasi iniziali. Andrea Corsetti, al calar del sole, ha dovuto abbandonare il Gran Premio in seguito ad un brutto incidente con Sergio Varani, mentre nelle fasi più buie è stato Javier Conti a rimetterci le penne. Pesante l'assenza di Alessandro Mazzon, che per problemi fisici ha dovuto saltare l'appuntamento. Con il quinto posto di Osvaldo Cocozza, anche l'RFDT Rookie Team torna a sperare nel podio costruttori, mentre Varani e Breme si difendono portando a casa punti preziosi in sesta e settima piazza.

Il terzo round è stato il primo in calendario ad avere il passaggio giorno-notte. Rivivilo nella replica on-demand!

Sette giorni più tardi, in Italia, si torna al format da 60 minuti, ci si aspetta un pò di relax dopo Sebring e invece la pioggia scombina tutto. Gara più che difficile, che vede l'ingresso della Safety Car dopo pochi minuti, quando Marco Massetti e Claudio Perrucci si agganciano sul rettilineo del traguardo, coinvolgendo anche Grassi. L'incidente è violento e costringe al ritiro anche Elio Galia, per l'occasione in BlueBolt Beta. Con tre elementi di SRZGT1 già out dopo appena un passaggio, alla successiva ripartenza Greco scappa via, portandosi dietro il TM Faluschi, a cui bisogna dare merito di aver condotto, sino a questo momento, un campionato ben oltre le aspettative. Le due Nissan dell'SKZ Musto Racing gestiscono per tutta la gara, differenziando la strategia che alla fine darà ragione al campione in carica. Quando a metà della corsa smette di piovere infatti, Faluschi decide di rimanere in pista per provare a cogliere il suo primo successo in carriera nel Campionato Italiano GT. Greco ha però calcolato tutto, e con un passo stratosferico si riporta al comando proprio nell'ultimo giro. Alle spalle dei due, Rossi salva il salvabile dopo una partenza complicata e dopo un rischiosissimo fuoripista a Biassono. In una serata caratterizzata dagli acquaplaning e dalla "testa" più che dal "piede", Mazzelli si conferma tra i top del campionato chiudendo al quarto posto. Miglior risultato in stagione per Manuel Mantovani e Andrea Raiconi, rispettivamente quinto e sesto, che precedono le due SHS by Pescara SRT, condizionate dall'errata scelta degli pneumatici.

Conti è saldamente al comando della classifica assoluta assieme all'SKZ Musto Racing

Nella seconda categoria il copione non cambia. Conti si dimostra ancora una volta impeccabile e colleziona la quarta vittoria in altrettanti Gran Premi. Soffre il bagnato, invece, il compagno di scuderia, che non fa meglio del quinto posto. In mezzo ci sono Boscariol ed il rientrante Mazzon che, con una gara inaspettata, riporta la LupaRossa Motorsport in piena corsa per le posizioni di vertice. Beffato Giuseppe Laino, che deve accontentarsi del terzo quarto posto in stagione: la sua performance, coadiuvata da quella di Giordano Valeriano (sostituto di Michael Vigolo sulla Mercedes dell'RBS Racing by IES), è comunque di vitale importanza per le ambizioni in classifica generale. Out, invece, Antonio Castagna, in pista al posto di Breme, e Andrea Milano, del Texas Drivers Squadra Corse.

Pioggia e Safety Car hanno caratterizzato il quarto evento del Campionato Italiano GT

Sul fronte SRZGT1 entrambe le classifiche sono particolarmente aperte. Greco può vantare solo 8 punti di margine su Rossi e 23 su Puoti, mentre l'SKZ Musto Racing ne ha 27 sul Tomelli Fusion e 32 sull'SHS by Pescara SRT, gap davvero ridotti se paragonati a quelli delle precedenti edizioni del campionato, soprattutto nella graduatoria costruttori. Più delineata è invece la situazione in SRZGT2: sia Conti che il suo team hanno già accumulato un vantaggio di tutta sicurezza sull'avversario principale, in questo momento rappresentato da Boscariol e dallo Snail Team. Ciò che entusiasma è la lotta per il terzo posto costruttori, dove tre squadre sono in lotta, separate da soli 2 punti, per un unico trofeo.

Ulteriori risvolti sono attesi nella seconda simulazione di endurance, gara da 90 minuti fissata per Giovedì 4 Giugno sul tracciato di Interlagos. La tappa sarà come sempre trasmessa in diretta sulla SRZTVHD.

Risultato ROUND 03

Gallery ROUND 03

Risultato ROUND 04

Gallery ROUND 04

 Leggi anche:  

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation