23 - 03 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

L'RFDT SimRacing Department, di cui abbiamo abbondantemente parlato nei mesi scorsi in un apposito articolo, ha appena conquistato il terzo posto costruttori del Campionato Italiano rF2 e, dopo aver preso confidenza anche con il Campionato Italiano rF1, è pronto ad immergersi nuovamente nel mondo a ruote coperte di SimRacingZone.net. Per il terzo anno consecutivo infatti, la squadra veneta sarà protagonista nel Campionato Italiano GT, riconfermandosi in categoria SRZGT2 ed esordendo per la prima volta in assoluto in categoria SRZGT1.

Il team, che ha all'attivo 822.841 punti ranking (gran parte dei quali conquistati proprio nelle precedenti partecipazioni al massimo campionato a ruote coperte del portale), ha preso parte all'edizione 2012/2013 della competizione con Osvaldo Cocozza e Giuseppe Maranzano, il primo riconfermato anche nell'edizione 2013/2014 al cui fianco si è poi seduto Leonardo del Conte. Questa volta, in SRZGT2 ci saranno Salvatore Carollo e Matteo Favro, i quali guideranno una Lamborghini Gallardo nel Rookie Team.

Sin dai primi test, l'RFDT Rookie Team si è innamorato della Lamborghini Gallardo

Carollo, come raccontato in diretta nello shakedown del campionato, è Amateur su SimRacingZone.net, avendo registrato solo 4 presenze nello scorso Campionato Italiano rF4. Ha sempre portato al traguardo la propria vettura, di solito anche con ottimi risultati, vedi all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari dove ha chiuso terzo. Non è mai arrivato al di fuori della top10, dato interessante ma probabilmente poco significativo in vista del prossimo Campionato Italiano GT, dove il livello di competitività sarà sicuramente più alto rispetto agli standard con cui è stato abituato a lottare.

Lo stesso discorso vale per Favro, classe 1993, protagonista sino ad oggi in tornei di livello amatoriale, dove non ha particolarmente brillato, ballando stabilmente attorno alla quindicesima posizione. Tante difficoltà tecniche nello scorso TRS F458GTC e tanti i ritiri collezionati nel corso della sua breve carriera: ben 9. Da pochi giorni tra l'altro, ha reso noto di non poter prendere parte alla fase iniziale del campionato a causa di nuovi problemi al computer, e per questo motivo sarà inizialmente sostituito dall'ex titolare Cocozza.

Esperienza completamente nuova, invece, quella che aspetta l'RFDT SimRacing Department in categoria SRZGT1. L'affiatata coppia composta da Riccardo Corazzari e Andrea Cannatà ha tutte le carte in regola per portare la propria Aston Martin tra le posizioni di testa, a lottare con i big della competizione. L'approdo nella classe più veloce del Campionato Italiano GT è ulteriore testimonianza delle ambizioni della truppa di Devis Juan DeBei, decisa a continuare nel cammino di crescita intrapreso da qualche mese a questa parte.

Linee inedite per la livrea dell'Aston Martin con cui l'RFDT SimRacing Department scenderà in pista in SRZGT1

Di Corazzari si possono dire tante cose buone, sia in termini di velocità in pista sia in termini di preparazione dell'assetto. La verità, però, è che ancora deve imparare ad essere concreto, dal momento che troppe volte si è dimostrato competitivo senza raccogliere nulla. Una pole-position ed un podio in 17 apparizioni non sono male, ma risultano poche se si pensa al potenziale del ragazzo classe 1992 ed ai tanti errori commessi nel corso della gara, specialmente nel Campionato Italiano rF2. Solo nel 65% dei casi ha visto la bandiera a scacchi, statistica assolutamente da migliorare, magari in collaborazione con il proprio compagno di squadra.

Cannatà, numero 92 del ranking assoluto, ha infatti collezionato solamente 3 ritiri in carriera, due dei quali nell'edizione 2014/2015 del Campionato Italiano rF1. Alla sua prima esperienza nel campionato a ruote scoperte più importante in Italia, ha concluso addirittura nella top12 generale, ma soprattutto si è aggiudicato il premio Fair-Play, vincendo così un'esperienza in pista su una vera auto da corsa, la Formula Predator's PC008 di SRZ Motorsport. Il punto forte del sim-driver di Adria è certamente la mentalità, caratteristica che lo ha contraddistinto in tutti i campionati fino ad oggi disputati, a partire dal Campionato Italiano rF4 2012/2013 e passando per il Campionato Italiano rF3 2013/2014. Fondamentale sarà il suo apporto nelle sorti del team nel Campionato Italiano GT. E' una sicurezza.

Non sarà facile, ma non erano facili nemmeno il Campionato Italiano rF1 ed il Campionato Italiano rF2 sulla carta, dove poi la squadra si è confermata positivamente. Gli obiettivi non possono essere subito massimali, anche se le potenzialità per fare bene ci sono tutte. La prima cosa che l'RFDT SimRacing Department dovrà puntare a raggiungere è la semplice esperienza, esperienza che, gara dopo gara, si rivelerà fondamentale per sopravvivere in una griglia partenti al momento di ben 33 unità.

Leggi anche: 

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation