14 - 11 - 2018
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Un gran week-end quello che lo staff SRZ ha potuto vivere all'autodromo di Varano de Melegari, circuito in cui la Simracing Motorsport è tornata in competizione ufficiale nel Predators Challage. Il regolamento della competizione quest'anno prevede, come nel 2013, due differenti categorie: la PRO, formata dalle nuovissime PC015 e da PC010 che presentano alcuni pezzi non di fabbrica, e la AM, composta da PC010 totalmente originali e... dalla PC008 della Simracing Motorsport, senza la quale questa vettura sarebbe rimasta presente esclusivamente nelle fotografie della fabbrica di Reggio Emilia. Lo schieramento è suddiviso in 13 vetture di categoria Pro e 12 AM, entrambe le categoria sommano comunque i punteggi in una classifica assoluta. Ogni appuntamento della stagione prevede una sessione di prove libere, una sessione di qualifica, e due manche di gara.

Il debuttante gruppo della Simracing Motorsport ha schierato una PC010 Pro con Massimiliano Colombo, pilota professionista che nella passata stagione ha raccolto un terzo posto finale nell'assoluta, e la PC008 protagonista della splendida stagione 2013 con David Greco, in lotta nella categoria AM, affidata al Simdriver Alessandro Palladini. Lo staff in pista ha dato il massimo sforzo non tralasciando niente al caso. Sulla vettura di Colombo  due esperti meccanici come Daniele Santonicito e Roberto Maffi, gia protagonisti nella passata stagione, mentre su Alessandro Palladini l'espertissimo decano della categoria Palmiro Incerti, che è stato affiancato dal meccanico Matteo Defendi e dall'Ing. Matteo Vecchioni (entrambi alla loro prima esperienza in pista). A coadiuvare il gruppo erano presenti Tommaso Le Rose e Matteo Sorgiacomo, affiancati dalle telecamere di Nello Pastorino e la sorella Zaira.

Al venerdì la vettura è arrivata a Varano de Melegari già di primo mattino, gentilmente trasportata e custodita dal gentilissimo Mario Neri,  del team Alma Racing. Alessandro Palladini è arrivato nel pomeriggio, capello al vento e sguardo di chi non è ancora convinto di quello che sta per fare. Pochi minuti però, il tempo di fare le misure al sedile, ascoltare gli ultimi consigli dell'attentissimo Palmiro e calare giù la visiera, ed Alessandro improvvisamente è gia sul pezzo. Con Matteo Vecchioni e Palmiro l'intesa è subito perfetta, Alessandro compie 5 giri alla volta, rientra per lasciar lavorare Palmiro sulle modifiche che si ritengono necessarie, e riparte. Con questa metodologia Palladini ha effettuato due sessioni al venerdi per concentrare il lavoro sul bilanciamento del setup,  Il team ha lavorato aumentando il carico aereodinamico al posteriore, diminuendo invece quello anteriore, e si è poi concentrato sulle durezza delle molle, finchè Palladini non si è detto soddisfatto sia dell'inserimento in curva che della stabilità del posteriore. Chiuso il venerdì con un buon setup di base, il team ha montato gli pneumatici nuovi al sabato per permettere ad Alessandro di concentrarsi sul proprio ritmo attraverso altre due sessioni di libere. Dall'1.19 alto stampato il venerdì mattina, Alessandro è stato in grado in qualifica di far segnare 1.17.000, tempo che gli sarebbe valso la sedicesima piazzola in griglia sui 22 partenti. Il lavoro di Alessandro acquista maggior significato, se si tiene presente che la sua vettura era l'unica PC008 AM presente nello schieramento, a doversela cavare contro le più evolute PC010 ed i primissimi esemplari di PC015. Ma l'ottimo giro è vanificato da un sorpasso in regime di bandiere gialle, che costa l'arretramento di 5 posizioni in griglia.

Massimiliano Colombo ha invece iniziato il suo week-end al sabato, riuscendo subito a trovare un buon ritmo e confidenza con il tracciato. In qualifica però la pole di Daniele Tarani in 1.14.158, è lontana, Massimiliano, complice un giro non perfetto, ferma il cronometro sull'1.15.079, tempo che gli vale la sesta posizione. I guai arrivano a fine giornata, quando un cedimento del telaio al retrotreno provoca lo spostamento del motore e l'uscita della catena dall'asse corona-pignone, costringendo il team a lavorare duramente durante la notte per riparare il danno, mentre Palladini si è allenato per diverse ore al simulatore, sul quale poi ha effettuato qualche giro anche il Poleman di giornata, Daniele Tarani, che è passato a trovarci solo dopo aver concluso i lavori sulla propria vettura.

La domenica tutti arrivano presto in pista, l'apprensione è alta in quanto il rischio di pioggia battente continua a palesarsi con nubi sempre più pesanti. Poco prima di mezzogiorno inizia a piovere, ma è una pioggia debole, di quella che serve solo a rendere l'asfalto umido ed i cordoli tremendamente scivolosi, proprio ciò che non aiuta Alessandro Palladini al debutto.

Il via è comunque tranquillo, con Massimiliano Colombo che riesce a strappare la quinta posizione assoluta a De Toffol e a controllarlo fino al traguardo. Alessandro invece non si trova con la frizione, fa spegnere per un attimo la macchina e poi riparte, iniziando però una crescita esponenziale giro dopo giro, che lo porta a stampare il suo best in 1.16.200 ed a recuperare tre posizioni che gli valgono il diciottesimo posto assoluto.

Nell'assoluta è Andrea Spagni a vincere con la nuova PC015 del Predator's Factory Team, mentre Daniele Tarani è secondo davanti a Davide Critelli. Nella categoria AMA vince Fabio Turchetto, che precede Stefano Palummieri ed Enrico Rendesi. Palladini è sesto di categoria, preceduto anche da Semprini e Cassago. Nella pausa tra le due gare, si lavora su entrambe le vetture. I meccanici di Massimiliano Colombo modificano la convergenza, mentre Palmiro mette a posto la frizione di Alessandro Palladini dandogli anche divertentissime lezioni di partenza.

La temperatura nel pomeriggio è abbastanza bassa, ma il rischio pioggia è definitivamente scomparso. Massimiliano Colombo si avvia bene davanti ed è subito in lotta nel gruppo di testa, mentre dietro Alessandro Palladini regala spettacolo infilando addirittura la PC015 di Lorenzo Semprini e la PC010 di Candio Cristofari, oltre che le avversarie di categoria AM guidate da Michele de Matteis e Antonio Fracasso. Nello stesso momento Massimiliano Colombo compie un errore e finisce in testacoda, ripartendo alle spalle di Alessandro Palladini. L'uscita della Safety Car interrompe la possibile rimonta dei nostri, le vetture chiudono in fila indiana sul traguardo. Andrea Spagni vince con la nuova PC015 davanti a Daniele Tarani e Davide Critelli, Massimiliano Colombo è decimo. Per la categoria AM, Fabio Turchetto raccoglie la seconda vittoria consecutiva, mentre Alessandro Palladini festeggia sul secondo gradino del podio! Grande soddisfazione per tutto il Team, che ora si concentra sui test previsti sempre a Varano de Melegari il 1° Maggio, dove a continuare a lavorare sull'assetto ci sarà l'admin storico di SRZ, Guglielmo Matti.

In pista saranno presenti anche la PC010 di Massimiliano Colombo, ulteriori due PC010 e una PC008 per tutti coloro che vogliono provare insieme al nostro gruppo i brividi della pista. Trovate tutti i dettagli sul FORUM, non mancate!

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation