26 - 04 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

E' iniziata prestissimo la giornata di Sabato 18 Luglio, con alcuni dei partecipanti già presenti al Kartodromo Misanino ancor prima delle ore 9:00. L'ottava edizione del Raduno di SimRacing organizzata da SimRacingZone.net è stata un'edizione coi fiocchi, la migliore di sempre, anche se, visto il caldo, non è certo il paragone più appropriato. I tantissimi iscritti hanno reso la giornata davvero speciale, un'occasione unica per avvicinare Staff, sim-driver, spettatori e appassionati in una location perfettamente compatibile con il mondo del simracing. All'interno del Misano World Circuit intitolato a Marco Simoncelli, la buona fama di Misano Kart si è confermata una volta di più, frutto di una gestione estremamente professionale della classica competizione a Go-Kart che SimRacingZone.net tiene ogni anno oramai da otto anni.

Come precedentemente detto, l'evento si è aperto prestissimo, grazie anche alla puntualità dei partecipanti che, come richiesto dallo Staff, sono stati bravissimi a rispettare le deadline indicate sul forum ufficiale. Hanno fatto eccezione alcuni piccoli gruppetti che, per fortuna, sono comunque riusciti a presentarsi in extremis per uno stralcio di prove libere, la prima sessione della giornata sui Sodi 390cc 11hp. Dopo i canonici saluti, i 47 kartisti si sono divisi in 16 equipaggi, ciascuno da 3 persone, non prima, però, di aver ascoltato Gianni Marchesan, proprietario del kartodromo nonchè ex pilota di kart, per l'approfondito briefing. Tante novità per l'ottava edizione dell'Endurance organizzato da SimRacingZone.net: in primis, le differenze di peso sono state quasi annullate sfruttando le zavorre; secondariamente, il dover rispettare un certo tempo limite minimo nel percorrere la pit-lane in fase di cambio pilota ha conferito maggiore sicurezza alla corsa, e ha inoltre aumentato il grado di collaborazione tra i membri di ciascun team.

Un pò di briefing, sotto il sole, per i 47 kartisti...

Sin dai primi minuti è risultato chiaro che la competizione sarebbe stata più equilibrata ed impegnativa del solito. Le zavorre e l'ottima preparazione dei kart, mezzi che per essere da noleggio si sono rivelati decisamente equilibrati, hanno infatti ridotto sostanzialmente il gap tra il primo e l'ultimo, compattando l'intero gruppo. Allo stesso tempo, la configurazione del tracciato, piuttosto tecnica e veloce, ha comunque permesso ai migliori di emergere, specialmente sul passo gara. In qualifica, infatti, le differenze sono state minime, con ben 11 team racchiusi in appena 9 decimi, un risultato davvero entusiasmante.

Archiviate le sessioni di prove libere e qualifica, gli oltre 80 presenti si sono spostati all'interno della struttura per il pranzo, occasione non solo per rinfrescarsi visto l'afosissimo caldo, ma anche per preparare la postazione di guida per il Torneo Hot-Laps. La sfida, disputatasi con il mod ISI KartCup su rFactor2, è stata meno seguita e meno al centro dell'attenzione rispetto al passato. Il simulatore è rimasto disponibile a chiunque per tutto l'arco del pomeriggio, anche su vetture e piste di diverso tipo, mentre è tra la prima e la seconda gara sui Go-Kart che Federico Biffano ha fatto segnare il miglior tempo ufficiale, vincendo l'edizione 2015 del Torneo Hot-Laps e conquistando così un altro trofeo da ritirare alla premiazione finale.

Terminati i 90 minuti di pausa, i piloti si sono spostati sul bollente asfalto del kartodromo per il via di gara 1. E' stato un avvio in stile 24 ore di Le Mans, che ha permesso di evitare incidenti nei primi metri. Le emozioni non sono certo mancate, con tutti il gruppo compattissimo e pochissimo spazio per muoversi di traiettoria. Nelle prime fasi bisogna segnalare l'errore di Alessio Spinelli, che con la BlueBolt Alpha scivola in fondo al gruppo, mentre successivamente Alessandro Riolo, LupaRossa Motorsport, e Luca Furia, Pescara SHS, sono protagonisti di un contatto che porta la Direzione Gara a sanzionare con uno Stop&Go il primo. Lo stesso Furia sarà poco dopo coinvolto in un altro incidente con Tommaso Le Rose, costretto al testacoda in prossimità dell'ultima curva. Ottima, invece, la partenza dell'SS Racing Team, che con Jacopo Rho si porta momentaneamente in quarta posizione, bloccando la risalita delle altre compagini. La gara corre via tra sorpassi, duelli ed errori sino all'ultimo minuto, quando è l'SKZ Musto Racing, terzetto composto da Daniele Primavera, David Greco e Matteo Vecchioni a tagliare per prima il traguardo. Grande gara anche per la Pescara SRT che, con Antonio Mancini, Michael Francesconi e Nicola Gazzilli, chiude al secondo posto. Ottime prestazioni per VDA, con Gavino Pintus sugli scudi, Skizzato e BlueBolt Alpha, che riesce a risalire dopo un avvio negativo.

La seconda manche, scattata nel tardo pomeriggio, ha visto la totale inversione di griglia rispetto al risultato di gara 1, mentre non sono stati toccati i Go-Kart, rimasti gli stessi dall'inizio alla fine per ciascun equipaggio. La nuova partenza è un capolavoro di Francesconi che, allo sventolare della bandiera, corre rapidamente verso il proprio mezzo e parte come una scheggia, bruciando tutti e portandosi così dalla penultima piazza nelle posizioni di testa. In una manciata di giri, il sim-driver e pilota pescarese guadagna la testa della corsa ed è autore di un primo stint fenomenale. I compagni a bordo pista temporeggiano più del previsto, tenendolo in pista per quasi 40 minuti in modo da sfruttare al massimo le sue potenzialità. La sfida è ormai un testa a testa con l'SKZ Musto Racing, anch'essa risalita, seppur più lentamente, dall'ultima posizione in griglia. Il finale è davvero scoppiettante: Greco è in pista per gli ultimi 20 minuti, mentre a 10 dal termine è Gazzilli a salire sul kart della Pescara SRT. Il campione romano non ne vuole sapere di perdere ed inanella una sfilza di giri record impressionante, abbattendo, infine, il muro dei 45 secondi. Greco è stabile sul 45.1 e il suo avversario, pur avendo un ritmo assolutamente positivo, non può nulla. A circa 4 minuti dal termine, il barese è quindi costretto ad alzare bandiera bianca, consegnando le chiavi della vittoria di gara 2 e dell'intero Endurance all'SKZ Musto Racing, i cui tre membri saranno premiati sul podio a fine serata.

L'SKZ Musto Racing si conferma il team più veloce non solo nel virtuale ma anche nel reale!

 

L'ultima gara della serata ha regalato una sfida entusiasmante tra Francesconi, Primavera e Rainieri

La finalissima riservata ai migliori piloti di ciascun team si svolge al calare del sole, con una griglia di partenza determinata dalla somma dei risultati ottenuti dalle rispettive squadre nelle due manche precedenti. Davanti a tutti parte Daniele Primavera, secondo c'è Michael Francesconi, terzo Fabrizio Gobbi e quarto Giuseppe Rainieri, anche quest'ultimo grande protagonista di giornata assieme ai compagni Andrea Magosso ed Andrew Baranowski. Mentre il resto dei partecipanti si intrattiene a cena e lo Staff allestisce le coppe per la premiazione finale, la gara comincia e lo fa con il botto. Andrea Cosentino e Fabio Ciambella si scontrano piuttosto duramente a circa metà del percorso, compromettendo così la propria finale. Davanti, invece, è spettacolo puro. Primavera e Francesconi lottano dall'inizio alla fine, dietro di loro Gobbi non regge il passo e viene scavalcato da Rainieri, il quale rientra a sua volta nella battaglia per la vittoria. I tre si sfidano per oltre 15 minuti fianco a fianco, scambiandosi più volte la posizione. Alla fine sarà proprio il pilota Pescara SRT ad avere la meglio, trionfando per la prima volta ed impedendo così a Primavera di bissare il successo della passata stagione. Il taglio del traguardo è al fotofinish!

Il podio della finalissima Go-Kart, con Michael Francesconi che vince per la prima volta!

Mai nelle passate stagioni si era assistito a corse così combattute e serrate ed è per questo che, almeno sotto questo punto di vista, l'ottava edizione del Raduno di SimRacing è stata la più divertente di sempre. Il caldo e le difficoltà del circuito hanno messo a dura prova i sim-driver iscritti, arrivati davvero sfiancati al termine della giornata. In questo senso, da lodare la prova di Andrea Raiconi e Christian Zerbinati che, senza un terzo compagno, si sono dovuti "sopportare" altri 30 minuti complessivi (non consecutivi) di gara a testa. E' stata una giornata senza ombra di dubbio divertente, che per molti resterà indimenticabile, già a partire dal Venerdì, quando diversi membri della community si sono ritrovati per una piacevole partita di calcetto. E' stato quasi tutto perfetto, ed è culminato con la premiazione dei campionati 2014/2015 (ben 11!) organizzati su rFactor, rFactor2 ed Assetto Corsa da SimRacingZone.net. Nella circostanza sono stati svelati anche i nomi dei migliori esordienti: Andrew Baranowski ha vinto nella categoria sim-driver, mentre l'RBR&TFF Racing Team ha trionfato in quella team.

Simone Sanasi, Roberto Musto e Fabrizio Gobbi hanno ritirato il premio costruttori del Campionato Italiano rF1

E così, un'altra stagione è andata in archivio. Lo Staff ringrazia l'intera community per questi bellissimi mesi di sim-racing, coronati da una giornata finale davvero impareggiabile. L'augurio è quello di poter rivivere lo stesso a partire da Settembre, per il nono anno consecutivo di SimRacingZone.net...

Nei prossimi giorni le migliori foto scattate saranno disponibili nell'apposita Gallery del portale.

Related news:

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation