20 - 06 - 2019
Sponsors

nextlevelracing.com

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

https://www.tuttoautoricambi.it/marca-automobilistica/pezzi-di-ricambio-renault.html

rackservice.org

primi sui motori con e-max

Dopo essersi "impadronita" di gran parte degli sport mondiali, anche di quelli meno noti poi rigenerati in termini di appeal, RedBull sembra ora puntare sull'eSport, ovvero lo sport elettronico. In molti paesi europei e, parzialmente anche in Italia seppur con un certo ritardo, le attività agonistiche virtuali sono già state ampiamente riconosciute dagli enti preposti e ormai da anni rappresentano una valida alternativa alla classica concezione della parola "sport". SimRacingZone.net si è impegnata sin dalla nascita (2007) a portare il sim-racing alla ribalta, mettendolo maggiormente in risalto di quanto non fosse prima, attraverso un approccio completamente rivoluzionario (in quel tempo) alle competizioni: le prime dirette con telecronaca, i primi sistemi a carriera, una copertura giornalistica a 360°, con interviste ai protagonisti e articoli interamente dedicati ai team come mai era accaduto prima.

RedBull.com non lo ha dimenticato e ha aperto la sua rubrica inerente i videogames proprio parlando di questa realtà, spiegando come SimRacingZone.net sia stata e continui ad essere un chiaro punto di riferimento per lo sport elettronico. D'altronde, come in parte viene sottolineato nell'articolo, si tratta dell'unico portale al mondo a permettere un vero e proprio salto dal virtuale al reale, dalle monoposto del computer a quelle in "carne ed ossa", dal tracciato dipinto sullo schermo a quello toccabile con mano. Nessun portale di sim-racing ha mai permesso questo con così tanta continuità, ma, soprattutto, nessun portale di sim-racing si è mai evoluto in un reale team di corsa, come accaduto invece ad SRZ Motorsport, nata proprio a partire da SimRacingZone.net, nell'anno 2013.

"Che il confine sia poroso è evidente già da un po’. Uno degli esempi migliori è peraltro italiano: il portale simracingzone.net da anni organizza competizioni per piloti virtuali di alto livello. Non è raro che i suoi campionati sintetici – 12 solo nel 2015, ognuno con classifiche, arbitri, premi ad hoc e dirette – siano frequentati da automobilisti professionisti in “libera uscita”, o a mo’ di allenamento per le gare sui tracciati d’asfalto. Oltre a fuoriclasse delle piste digitali, certo."

L'articolo completo è disponibile QUI.

 Leggi anche:

[XGT] ROUND 05: Canada
Partners





racehhub.eu


simracingzone.net Webutation